NOSTRADAMUS

 

Nostradamus – 1º Centuria (I)

Scritto da Nicola S. - ottobre 19th, 2009 - 0 Commenti  
Pubblicato sotto E-Books, Nostradamus, Profezie

Quartina1
Stando di notte nel segreto raccoglimento
solo, seduto sul tripode di rame,
esigua fiamma che esce dalla solitudine
fa proferire ciò cui credere non è vano.


Quartina2
La verga in mano posta nel mezzo dei BRACCI,
il lembo (della veste) e il piede lambiti dall’onda,
Paura e voce vibrano lungo le maniche,
splendore divino. Il divino si siede accanto.

Quartina3
Quando la lettiga dal turbine rovesciata,
e saranno le facce dai loro mantelli scoperte,
la repubblica da nuove genti umiliata,
allora bianchi e rossi giudicheranno al contrario.

Quartina4
Su tutto l’universo sarà fatto un Monarca,
che in pace e in vita non sarà a lungo:
allora si perderà la barca del pescatore,
sarà governata nel più grande detrimento.

Quartina5
Cacciati saranno senza sostenere lunga battaglia
dal paese saranno assai più oppressi:
borgo e città avranno più grande scontro,
Carcas, Narbonne avranno cuori provati.

Quartina6
L’occhio di Ravenna sarà escluso,
quando ai suoi piedi le ali cadranno,
i due Bresse avranno costituito
Torino, Verseil che Francese calpesteranno.

Quartina7
Tardi arrivato l’esecuzione fatta
il vento contrario, lettere al camino prese
i congiurati quattordici d’una setta
ad opera del Rosseau prudenti le imprese.

Quartina8
Quante volte presa città solare
sarà, cambieranno le leggi barbare e vane.
Il tuo male s’avvicina: più sarai tributaria
la grande Adria riaprirà le tue vene.

Quartina9
Dall’oriente verrà il cuore Punico
contrariare Adria e gli eredi Romulidi,
Accompagnato dalla flotta Libica,
tremare Malta e vicine isole deserte.

Quartina10
Serpente trasmesso dentro la gabbia di ferro
dove i fanciulli settani del re son presi:
i vecchi e padri usciranno dall’inferno
ma morire vedere il suo frutto morte e grido.

Quartina11
Il movimento dei sensi, cuore, piedi e mani
saranno d’accordo. Napoli, Leone, Sicilia
spade, fuochi, acque: poi nobili Romani
immersi, uccisi, morsi da cervello debole.

Quartina12
Tra poco dirà falso brutale, fragile,
dal basso in alto elevato rapidamente:
poi in istante sleale e fugace
qui di Verona avrà il governo.

Quartina13
Gli esiliati per ira, odio intestino,
faranno al re grande congiura:
segreto metteranno nemici con la miniera,
e i suoi vecchi contro essi sedizione.

Quartina14
Di gente schiava canzoni, canti e richieste,
prigionieri fatti da principi e signori alle carceri:
all’avvenire da idioti senza cervello
saranno ricevuti per discorsi divini.

Quartina15
Marte ci minaccia con bellica forza
settanta volte farà spandere il sangue:
truogolo e rovina dell’Ecclesiastico
e più quelli che da essi non vorranno intendere nulla.

Quartina16
Falce nell’Acquario verso il Sagittario congiunta
nell’alto suo AUGE d’esaltazione,
peste, carestia, morte per mano militare:
il secolo s’avvicina del rinnovamento.

Quartina17
Per quaranta anni l’arcobaleno non apparirà,
per quaranta anni tutti i giorni sarà visto:
la terra arida crescerà in siccità,
e grandi diluvi quando sarà visto.

Quartina18
Per la discorde negligenza Francese
sarà aperto passaggio a Maometto:
di sangue intriso la terra ed il mar Senoyse
il porto di Marsiglia di vele e navi coperto.

Quartina19
Allorché i serpenti verranno a girare nell’arido,
il sangue Troiano vessato dagli Spagnoli
da essi grande numero sarà fatta tara,
capo, fuggito nascosto nelle paludi.

Quartina20
Tours, Orleans, Bloys, Angiers, Reims e Nantes
città oppresse da improvviso cambiamento:
da lingue straniere saranno alzate le tende
fiumi, dardi Regni, terremoto e maremoto.

Quartina21
Profonda argilla bianca nutrire roccia,
che da un abisso uscirà lattiginosa,
invano truppe non l’oseranno toccare
ignorando essere al fondo terra argillosa.

Quartina22
Ciò che vivrà e non avrà alcun senso,
verrà a lasciare a morte il suo artificio:
Autun, Chalon, Langres e due Sens,
grandine e ghiaccio faranno gran danno.

Quartina23
Al terzo mese levandosi il sole,
cinghiale, leopardo al campo di Marte per combattere.
Leopardo lascia al cielo estendere suo sguardo,
un’aquila attorno al sole vede divertirsi.

Quartina24
A città nuova pensoso per condannare,
l’uccello da preda al cielo si viene a offrire:
dopo la vittoria perdona i prigionieri,
Cremona e Mantova grandi mali soffriranno.

Quartina25
Perduto, trovato, nascosto da sì lungo secolo
sarà pastore (come) semi dio onorato,
prima che la luna compia il suo grande ciclo
da altri vecchi sarà disonorato.

Quartina26
Il grande della folgore caduto d’ora diurna,
male e predetto da portatore postulante
seguendo il presagio caduto d’ora notturna,
conflitto, Reims, Londra, Etrusca pestifera.

Quartina27
Sotto la catena Guien dal cielo colpito,
non di là lungi è nascosto il tesoro,
che per lunghi secoli è stato accumulato,
trovato morirà: l’occhio bucato del soccorso.

Quartina28
La torre di Bouq ospiterà nave barbara,
un tempo molto tempo dopo barca esperica,
bestiame, genti, mobili tutt’ e due faranno grande tara
Toro e Bilancia quale mortale picca!

Quartina29
Quando il pesce terreste e acquatico
da forte onda sulla spiaggia sarà messo,
sua forma strana soave e orrifica,
dal mare ai muri ben presto i nemici.

Quartina30
La nave strana per tempesta marina
attraccherà accanto a porto sconosciuto,
nonostante segni di ramo di palma
dopo morte, saccheggio: buon avviso arrivato tardi.

Quartina31
Molti anni dureranno le guerre in Francia,
oltre la corsa di Castulon monarca,
vittoria incerte tre grandi coroneranno
aquila, gallo, luna, leone, sole nel segno.

Quartina32
Il grande impero sarà presto trasferito
in luogo piccolo che in breve crescerà:
luogo davvero infimo d’esigua contea,
ove nel mezzo verrà a posare il suo scettro.

Quartina33
Accanto ad un gran ponte di pianura spaziosa,
il grande leone con forze Cesaree
farà abbattere fuori città rigorosa,
per paura le porte gli saranno sbarrate.

Quartina34
L’uccello da preda volando dalla finestra
prima del conflitto fatto ai Francesi apparizione
l’uno buono prederà, l’uno ambiguo sinistro,
la parte debole terrà per buon augurio.

Quartina35
Il leone giovane il vecchio sormonterà,
in campo bellico a singolar duello,
dentro la gabbia d’oro gli occhi gli bucherà:
due tumulti uno, poi morire, morte crudele.

Quartina36
Tardi il monarca si verrà a pentire
di non aver messo a morte il suo avversario:
ma verrà ad accordarsi ben più in alto
che tutto il suo sangue per morire sarà sparso.

Quartina37
Un poco prima che il sole si nasconda
data battaglia, gran popolo dubbioso:
sbaragliati, porto marino non fatta risposta,
ponte e sepolcro in due luoghi strani.

Quartina38
Il Sole e l’aquila al vincitore appariranno:
risposta vana al vinto si assicura,
né corno né grido le armature arresteranno
vendetta, pace da morte sì compiuta all’ora.

Quartina39
Di notte a letto il supremo strangola
per troppo aver soggiornato, biondo eletto,
ad opera di tre l’impero sostituito asservito
a morte metterà carta e pacco non letto.

Quartina40
La tromba falsa che finge follia
farà Bisanzio un cambiamento delle leggi:
uscirà d’Egitto chi vuole che ci si compiaccia
editto che cambia monete e leghe metalliche.

Quartina41
Assedio in città, e di notte assalita,
pochi scampati: non lontano dal mare conflitto.
Prostituta, svenuta al ritorno del figlio,
veleno e lettere nascoste dentro il plico.

Quartina42
Le dieci calende d’Aprile del fatto Gotico
resuscitato ancora da genti malvagie:
il fuoco estinto, assemblea diabolica
cercando l’oro di Amant e Pselyn .

Quartina43
Prima che avvenga il cambiamento d’impero,
accadrà un caso davvero meraviglioso,
il campo mutato, la colonna di porfido
messa, trasferita sulla roccia rugosa.

Quartina44
Tra poco saranno di nuovo i sacrifici,
che vi si opporrà sarà portato al martirio:
più non vi saranno monaci abati né novizi:
il miele sarà assai più caro della cera.

Quartina45
Settario di sette grandi preme al delatore:
bestia in teatro, alzato il gioco scenico:
del fatto antico nobilitato l’inventore,
a causa delle sette, il mondo confuso e scismatico.

Quartina46
Molto vicino ad Aux, Lectore e Mirande
gran fuoco dal cielo in tre notti piomberà:
evento accadrà davvero stupendo e mirabile:
poco dopo la terra tremerà.

Quartina47
Dal lago Lemano i sermoni infastidiranno:
dei giorni saranno ridotti dalle settimane,
poi mese, poi anno, poi tutti cadranno,
i magistrati condanneranno le loro leggi vane.

Quartina48
Vent’anni del regno della luna passati
settemila anni un altro terrà la sua monarchia:
quando il sole prenderà i suoi giorni deboli
allora compiersi la mia profezia.

Quartina49
Assai, assai prima di tali intrighi
quelli d’Oriente grazie alla virtù lunare
l’anno millesettecento faranno grandi deportazioni
soggiogando quasi la parte Aquilonare.

Quartina50
Dall’acquatica triplicità nascerà
d’uno che stabilirà il giovedì per sua festa:
sua fama, sua gloria, regno, sua potenza crescerà,
per terra e mare agli orienti tempesta.

Quartina51
Capo d’Ariete, Giove e Saturno,
Dio eterno quali sconvolgimenti!
Poi per lungo secolo il suo maligno tempo ritorna,
Francia e Italia quali sommosse!

Quartina52
I due malvagi di Scorpione congiunti,
il gran signore ucciso nella sala:
peste alla chiesa dal nuovo re unito,
l’Europa meridionale e settentrionale.

Quartina53
Allorché si vedrà gran popolo tormentato
e la santa legge in totale rovina
per altre leggi tutta la Cristianità,
quando d’oro (e)d’argento scoperta nuova miniera.

Quartina54
Due rivoluzioni compiute dal malvagio falcigero
del regno e secoli fatto scambio (permutazione):
in mobile segno si inserisce al suo luogo
ai due uguali e d’inclinazione.

Quartina55
Sotto l’opposta latitudine Babilonica
grande sarà di sangue lo spargimento,
che terra e mare, aria, cielo sarà ingiusto:
sette, fame, regni, peste, confusione.

Quartina56
Voi vedrete presto e tardi grande cambiamento
orrori estremi, e vendette,
che se la luna condotta dal suo angelo
il cielo s’avvicina alle inclinazioni.

Quartina57
Per grande discordie la tromba tremerà.
Accordo rotto alzando la testa al cielo:
bocca sanguinante dentro al sangue nuoterà:
al suolo la faccia unta di latte e miele.

Quartina58
Squarciato il ventre, nascerà con due teste,
e quattro braccia: qualche anno intero vivrà:
giorno in cui Alquilloye celebrerà sue feste
Fossano, Torino, capo Ferrara fuggirà.

Quartina59
Gli esiliati deportati nelle isole
al cambiamento d’un più crudel monarca,
saranno uccisi: e messi due scintille
coloro che di parlare non saranno stati parchi.

Quartina60
Un Imperatore nascerà accanto all’Italia,
che all’impero sarà venduto assai caro,
diranno con quali genti egli si unirà
che si troverà meno principe che macellaio.

Quartina61
La repubblica miserabile infelice
sarà devastata da nuovo magistrato:
loro grande cumulo dell’esilio malefatta
farà lo Svevo rapire loro grande contratto.

Quartina62
La grande perdita ahimè che faranno le lettere:
prima che il ciclo di Latona sia completato,
fuoco, grande diluvio più per ignari scettri
che per lungo secolo non si vedrà rifatto.

Quartina63
Le calamità passate diminuisce il mondo
lungo tempo la pace terre disabitate
sicuro marcerà per cielo, terra, mare e onda:
poi di nuovo le guerre suscitate.

Quartina64
Di notte il sole penseranno d’aver visto
quando il porco mezzo-uomo si vedrà,
rumore, canto, battaglia, al cielo battere visto
e bestie brutte a parlare si udrà.

Quartina65
Fanciullo senza mani mai visto sì grande fulmine:
il bimbo reale al gioco della palla ferito.
Alla collina spezzati: folgorati:
tre sotto le catene nel mezzo disposti.

Quartina66
Colui che allora porterà le notizie,
poco dopo respirerà.
Viviers, Tournon, Montferrant e Pradelles,
grandine e tempeste li faranno gemere.

Quartina67
La grande carestia che io sento avvicinarsi,
spesso girare intorno, poi essere universale,
si grande e lunga che si verrà a strappare
del bosco la radice, e il piccolo dalla mammella.

Quartina68
O quale orribile e tragico tormento
tre innocenti che saranno consegnati.
Veleno sospetto, guardia incerta tradimento
messo in orrore da carnefici ubriachi.

Quartina69
La grande montagna rotonda di sette stadi,
dopo pace, guerra, fame, inondazione,
rotolerà lontano inabissando grandi contrade,
pure antiche, e grande fondazione.

Quartina70
Pioggia, fame, guerra incessante in Persia,
la fede troppo grande tradirà il monarca,
con la fine in Francia cominciata:
segreto augurio per uno essere parco.

Quartina71
La torre marina tre volte presa e ripresa
da Spagnoli, barbari, Liguri:
Marsiglia e Aix, Arles da quelli di Pisa
devastazione, fuoco, ferro, saccheggiata Avignone dei Torinesi.

Quartina72
Del tutto Marsiglia cambierà d’abitanti,
fuga e inseguimento fin presso Lione.
Narbon, Tolosa da Bordeaux oltraggiata:
uccisi prigionieri quasi un milione.

Quartina73
Francia a cinque parti per negligente assalita
Tunisi, Algeri incitati dai Persiani,
Leon, Siviglia, Barcellona battute
non avrà la flotta dai Veneziani.

Quartina74
Dopo aver soggiornato vagheranno in Epiro.
Il grande soccorso verrà verso Antiochia,
il nero pelo crespo agognerà intensamente all’impero:
barba di rame lo arrostirà allo spiedo.

Quartina75
La tiranna Siena occuperà Savona:
il forte vinto terrà flotta marina:
i due eserciti per la marca d’Ancona
per terrore il capo si esamina.

Quartina76
D’un nome selvatico sarà detto,
che le tre sorelle avranno fatto il nome:
poi grande popolo per lingua e fatto condurrà
più di ogni altro avrà celebrità e fama.

Quartina77
Tra due mari eleverà promontorio
che poi morirà per il morso d’un cavallo:
il suo Nettuno ripiegherà vela nera,
da Calpre e flotta vicino a Rocheval.

Quartina78
D’un capo vecchio sentirà senso indebito,
degenerando per sapere e armi
il capo di Francia da sua sorella temuto:
campi divisi, concessi ai gendarmi.

Quartina79
Bazar, Lectore, Condon, Ausch e Agine
ribelli per leggi, disputa e monopolio.
Poiché Bourd, Tolosa Bay, porterà in rovina
volendo rinnovare loro sacrificio.

Quartina80
Dalla sesta luminosa splendore celeste
tuonerà così forte in Borgogna:
poi nascerà mostro da assai orrida bestia.
Marzo, aprile, maggio, giugno grande smembramento e livore.

Quartina81
D’umano gregge nove saranno messi a parte
da giudizio e consiglio separati:
la loro sorte sarà divisa alla partenza
kap. Thita lambda morte, banditi dispersi.

Quartina82
Quando le colonne di legno grandemente scosse
d’austera condotta coperta di rubrica
tanto affluirà all’esterno grande assemblea,
tremare Vienna e il paese d’Austria.

Quartina83
La gente straniera dividerà bottini,
Saturno in Marte suo sguardo furioso,
orrenda strage ai Toscani e Latini
Greci, che saranno a colpire desiderosi.

Quartina84
Luna oscurata alle profonde tenebre,
suo fratello diventa di colore ferrigno:
il grande nascosto per lungo tempo in latebre,
terrà ferro nella piaga sanguinante.

Quartina85
Da responso di dama, re preoccupato:
ambasciatori sprezzeranno loro vita.
Il grande i suoi fratelli trufferà doppiamente
a causa di due morranno, ira, odio, invidia.

Quartina86
La grande regina quando si vedrà vinta
farà eccesso di virile coraggio:
sul cavallo, fiume attraverserà tutta nuda,
incalzata dal ferro: alla fede farà oltraggio.

Quartina87
Ennosigeo fuoco al centro della terra
farà tremare attorno a città nuova:
due grandi rocce a lungo si faranno guerra
poi Aretusa arrosserà nuovo fiume.

Quartina88
Il divino male sorprenderà il grande principe
un poco prima si sarà sposato,
sua eccellenza e credito di colpo diminuirà,
consigliere morirà per la testa rasata.

Quartina89
Tutti quelli di Ilerde saranno dentro la Mosella,
mettendo a morte tutti quelli di Loira e Senna:
soccorso marino verrà vicino ad alta vigna
quando gli Spagnoli apriranno tutte le vene.

Quartina90
Bordeaux, Poitiers, al suono di campana,
grande flotta andrà fino ad Angon,
contro i Francesi sarà la loro tramontana,
quando un mostro orribile nascerà vicino ad Orgon.

Quartina91
Gli dèi si renderanno visibili agli uomini
perciò saranno responsabili di grande conflitto:
prima in cielo visto sera spada e lancia,
che verso sinistra farà la più grande afflizione.

Quartina92
Sotto uno la pace dovunque sarà reclamata,
ma non a lungo saccheggio e ribellione,
per rifiuto città, terra e mare contaminati,
morti e prigionieri il terzo d’un milione.

Quartina93
Terra italica accanto ai monti tremerà,
Leone e gallo non troppo alleati,
invece di paura l’un l’altro si aiuterà
solo Castulon e Celti moderati.

Quartina94
Al porto Selin il tiranno messo a morte
la libertà non per questo riconquistata:
il nuovo Marte per vendetta e rimorso
dama con forza di spavento onorata.

Quartina95
Davanti al monastero trovato fanciullo gemello
d’eroico sangue di monaco e antico:
sua fama per setta lingua e potenza sua
che si dirà ben elevato il vopisco.

Quartina96
Colui che avrà l’incarico di distruggere
templi e sette, cambiati da fantasia,
più alle rocce che ai viventi nuocerà
per lingua ornata d’orecchie stanche.

Quartina97
Ciò che ferro e fiamma non hanno saputo realizzare,
la dolce lingua al consiglio farà.
Con riposo, sogno, il re farà fantasticare.
Più il nemico nel fuoco, sangue militare.

Quartina98
Il capo che avrà condotto popolo infinito
lontano dal suo cielo, da abitudini e lingua straniera:
cinquemila in Creta e Tessaglia finiti,
il capo in fuga salvato in granaio marino.

Quartina99
Il gran monarca che farà unione
con due re uniti per amicizia:
o quale sospiro farà la grande famiglia:
fanciulli Narbon all’intorno che pietà!

Quartina100
A lungo in ciel sarà visto un grigio uccello
vicino a Dole e alla terra toscana,
tenendo nel becco un verdeggiante ramo,
allora morirà un grande e finirà la guerra.

 

Nostradamus – 2º Centuria (II)

Scritto da Nicola S. - ottobre 18th, 2009 - 0 Commenti  
Pubblicato sotto E-Books, Nostradamus, Profezie

Quartina1
Verso Aquitania, dalle isole Britanniche,
E dalle medesime grandi incursioni:
Piogge, gelate, sconvolgeranno le terre,
Porto Selin farà forti invasioni.


Quartina2
La testa blu farà della testa bianca,
tanto male quanto bene la Francia ha fatto loro,
Morte al fiore, grande impiccato al ramo,
Quando il Re dirà quanti dei suoi sono stati catturati.

Quartina3
Per il calore salito dal mare,
I pesci di Negroponte saranno mezzi cotti;
Gli abitanti li verranno intaccare,
Quando Rodi e Genova resteranno senza biscotto.

Quartina4
Da Monaco fino presso la Sicilia,
Tutta la spiaggia rimarrà desolata:
Non ci sarà sobborgo, città o villa,
Che dai Barbari non sia stata saccheggiata o derubata.

Quartina5
Colui che in pesce di ferro ed elettricità racchiusa,
Uscirà ed in seguito farà la guerra,
Avrà nel mare ben armata la sua flotta,
Ed apparirà presso le terre italiane.

Quartina6
Presso le porte e dentro due città
Vi saranno due flagelli mai visti,
Carestia, peste dentro e fuori gente colpita dal ferro,
Si invocherà soccorso al Gran Dio Immortale.

Quartina7
Fra i molti che saranno deportati nelle isole,
Vi sarà un essere nato con due denti in gola
Morranno di fame, gli alberi spogliati,
Per essi il nuovo Re emanerà un nuovo editto.

Quartina8
I templi sacri secondo la prima maniera Romana,
Ripudieranno le loro vecchie fondamenta,
Prendendo per loro leggi quelle primitive e umane,
Ripudiando non completamente il culto dei santi.

Quartina9
Per nove anni il magro terrà il regno in pace,
Poi cadrà in una sete così sanguinaria,
Per lui un gran popolo senza fede, né leggi, morirà,
Ucciso da uno di aspetto molto più mansueto.

Quartina10
Improvvisamente tutto sarà cambiato,
Noi ci attendiamo un secolo ben sinistro,
La situazione dei mascherati e dei preti sarà molto cambiata.
Pochi desidereranno essere al loro posto.

Quartina11
Il successivo figlio del primogenito giungerà
Tanto in alto fino al regno dei potenti:
Ognuno temerà la sua aspra gloria,
Ma i suoi figli saranno gettati fuori dal regno.

Quartina12
Occhi chiusi, aperti all’antica fantasia,
L’abito dei preti sarà messo al bando:
Il gran Monarca castigherà la loro fantasia,
Rubare innanzi tutto il tesoro dei templi.

Quartina13
Il corpo senz’anima più non sarà nel sacrificio,
Il giorno della morte messo in natività:
Lo spirito divino farà l’anima felice,
Vedendo il Verbo nella sua eternità.

Quartina14
A Tours, Gien occhi penetranti guarderanno,
E da lontano scopriranno la grande serena:
Ella ed il suo seguito entreranno nel porto,
Spinti al combattimento, sovrana potenza.

Quartina15
Un poco prima dell’uccisione del monarca
Castore e Polluce sulla nave, astro crinito:
L’erario pubblico sarà svuotato per terra e per mare,
Pisa, Asti, Ferrara, Torino terra interdetta.

Quartina16
Napoli, Palermo, Sicilia, Siracusa,
Nuovi tiranni, folgori, fuochi celesti:
Forze di Londra, Gand, Bruxelles e Susa,
Grande eccidio, trionfo far festa.

Quartina17
Il campo del tempio della vergine vestale,
Non lontano da Ethena e dai monti Pirenei:
Il grande passaggio è nascosto nel baule,
Al nord si gettano i fiumi, rovinate le vigne.

Quartina18
Nuova ed improvvisa pioggia impetuosa,
Impedirà improvvisamente due esercitazioni.
Pietra dal cielo, fuochi faranno il mare pietoso,
Morte improvvisa di sette terre e mari.

Quartina19
I nuovi venuti in luoghi costruiti senza difesa,
Occuperanno il luogo per loro inabitabile:
Prenderanno a piacimento prati, campi, case, città,
Fame, peste, guerre, vasti campi a lungo lavorabili.

Quartina20
Fratelli e sorelle prigionieri in diversi luoghi,
Si troveranno a passare accanto al Monarca,
I suoi figli verranno contemplati con attenzione.
Dispiaciuti di vedere mento, fronte, naso, marcati.

Quartina21
L’ambasciatore inviato con la biremi,
A metà percorso sarà respinto da sconosciuti:
Per rinforzo verranno quattro triremi,
Corde e catene verranno apprestate in Negroponte.

Quartina22
Il campo Ascop d’Europa partirà,
Avvicinandosi presso l’isola sommersa:
La flotta Nato piegherà la falange,
Con molto più autorità sostituirà l’ombelico del mondo.

Quartina23
Nel palazzo, gli uccelli saranno cacciati dall’uccello,
Subito dopo il principe parvenu:
Dopo aver numerose volte respinto il nemico oltre il fiume,
Colpito al di fuori con frecce d’uccello.

Quartina24
Bestie favolose di forme, traghettanti fiumi;
Da più parti del campo andranno incontro a Hister,
In gabbie di ferro il grande le farà trascinare,
Quando nessuno osserverà la germania.

Quartina25
La guardia straniera tradirà la fortezza,
Speranza ed ombra di più gran matrimonio:
Ingannata la guardia, la fortezza presa nella morsa,
Loira, Saona, Rodano, Garibaldi, oltraggiati a morte.

Quartina26
Per il favore che farà la città,
Al grande tosto perderà al campo di battaglia,
Uscito dai ranghi, si dirigerà verso il Po ed il Ticino,
Sangue, fuochi, morti annegati da colpi di taglio.

Quartina27
Il verbo divino verrà colpito dal cielo,
Esso non potrà procedere oltre:
Occultando il segreto rivelato,
Lo si calpesterà sopra e davanti.

Quartina28
Il penultimo dal soprannome del profeta,
Prenderà Diana per suo giorno e riposo:
Errerà lontano a causa di una tempesta frenetica,
Liberando un gran popolo da imposizioni.

Quartina29
L’orientale uscirà dalla sua sede,
Passerà i monti Appennini e vedrà la Francia:
Dal cielo attraverserà le acque e le nevi,
Ed ognuno colpirà con la sua verga.

Quartina30
Uno che gli Dei infernali di Annibale,
Farà rinascere, terrore degli umani.
I giornali non potranno descrivere orrori più grandi,
Da Babilonia giungerà ai Romani.

Quartina31
In Campania il Cassilino tanto farà,
Che non si vedranno che campi coperti dalle acque:
Prima e dopo la pioggia, per lungo tempo,
Sradicati gli alberi, niente di verde vedrà la gente.

Quartina32
Latte e sangue di rana scorrerà in Dalmazia.
Scoppiato il conflitto, peste presso Balennez:
Grandi grida per tutta la Slavonia,
Quando nascrà un mostro vicino e dentro Ravenna.

Quartina33
Per il torrente che discende da Verona,
Fino al Po guiderà il suo ingresso.
Un grande naufragio, non minore in Garonna,
Quando quelli di Genova marceranno nel loro paese

Quartina34
L’ira insensata del furioso combattimento,
Farà a tavola fra i fratelli il ferro brillare:
I contendenti, ferito, furioso,
Il fiero duello in Francia arrecherà danni.

Quartina35
Nei due alloggi, di notte il fuoco divamperà,
Molti dentro asfissiati e bruciati.
Vicino a due fiumi pur solo egli giungerà:
Tutti verranno uccisi quando il sole sarà fra Sagittario e Capricorno.

Quartina36
Del grande Profeta saranno prese le lettere,
Che cadranno nelle mani del tiranno:
I suoi propositi saranno di tradire il suo Re,
Ma le sue rapine ben tosto lo rovineranno.

Quartina37
Del gran numero che si manderà,
Per soccorrere la fortezza assediata,
La peste e la carestia li divoreranno,
Al di fuori di settanta che saranno uccisi.

Quartina38
Dei condannati sarà fatto un gran numero,
Quando i monarchi saranno conciliati:
Ma uno di essi sarà in così grande disappunto,
Che non per molto rimarrà alleato.

Quartina39
Un anno prima del conflitto Italico,
Germani, Galli, Spagnoli per il forte:
La casa – scuola della repubblica cadrà,
Dove, salvo pochi, moriranno soffocati.

Quartina40
Poco dopo un lungo intervallo,
Per mare e per terra sarà fatta una grande rivolta:
Ben più grande ancora sarà la battaglia navale,
E fuoco e animali faranno maggior rovina.

Quartina41
La grande stella brucerà per sette giorni,
Nel cielo si vedranno apparire due Soli:
Il gran mastino urlerà tutta la notte,
Quando il grande Pontefice cambierà tutto il territorio.

Quartina42
Gallo, cani e gatti saranno pieni di sangue,
E della ferita del tiranno trovato morto,
Al letto di un altro con gambe e braccia rotte,
Che non avrebbe potuto morire di morte crudele.

Quartina43
Durante l’apparizione della stella chiomata,
I tre grandi principi diventeranno nemici:
Colpita dal cielo la tremolante pace terrestre,
Sul Po, sul Tevere agitato, verrà messo il serpente.

Quartina44
L’aquila spinta attorno ai padiglioni,
Sarà cacciata da altri uccelli dei dintorni:
Quando il rumore dei Cimbri, sonagli e trombe
Renderanno il senso dell’insensata dama.

Quartina45
Troppo il cielo piange l’Androgino procreato,
Vicino al cielo sarà sparso sangue umano:
Per la morte, troppo tardi il gran popolo verrà informato,
Tardi ed improvviso viene l’atteso soccorso.

Quartina46
Dopo la grande miseria umana, se ne prepara una più grande
Il grande motore rinnova i cieli storici:
Piogge, sangue, latte, carestie, ferro e peste,
Nel cielo saranno visti fuochi, correndo una lunga scintilla.

Quartina47
Il nemico ucciderà col veleno, l’afflitto grande vecchio,
I sovrani saranno sottomessi da infiniti:
Cadranno pietre nascoste sotto il vello,
Invano saranno invocati articoli contro la morte.

Quartina48
La grande armata attraverserà i monti.
Saturno in Sagittario, retrogrado nel segno dei Pesci, Marte:
I veleni saranno nascosti sotto la testa dei salmoni,
Il loro capo sarà appeso da un popolo bellicoso.

Quartina49
I consiglieri del primo monopolio.
I conquistatori sedotti dai Maltesi,
Rodi, Bisanzio dai loro esponenti della città.
La terra mancherà agli inseguiti in fuga.

Quartina50
Quando quelli d’Hainault, di Gad e di Bruxelles,
Verranno a porre l’assedio davanti al Langres:
Dietro ai loro fianchi vi saranno crudeli combattimenti
La piaga antica sarà peggiore dei nemici.

Quartina51
Il sangue del giusto a Londra farà difetto,
Colpito dalla folgore dei ventitre il sesto:
La dama antica lo rimpiazzerà nell’alto seggio,
Della medesima setta molti saranno uccisi.

Quartina52
Per molte notti la terra tremerà:
In primavera due scosse faranno seguito:
Corinto, Efeso nei due mari nuoterà,
Scoppia la guerra fra due valorosi combattenti.

Quartina53
La grande peste nella città marittima,
Non cesserà prima che morte sarà vendicata
Del giusto sangue per preso condannato innocente,
Della grande dama per simulato oltraggio.

Quartina54
Da gente straniera e dai Romani molto lontani,
La loro città presso l’acqua fortemente invasa:
Figlia senza mano, troppo differente domani,
Principe capo,Sciagura non essersi prima ribellati.

Quartina55
Nel conflitto il grande che poco valeva.
Al suo ultimo farà impresa meravigliosa.
Mentre quelli di Adria vedranno ciò che gli mancava,
Nel banchetto pugnala l’orgoglioso.

Quartina56
Colui che peste espada non ha saputo individuare,
Morto nel pozzo colpita la volta del cielo:
L’abate morirà quando vedrà cadere in rovina,
I naufragati desiderosi di aggrapparsi allo scoglio.

Quartina57
Prima del conflitto il grande muro cadrà,
Il grande sarà ucciso, morte troppo repentina e compianta,
La nave imperfetta la maggior parte nuoterà,
Presso il fiume la terra sarà tutta di sangue.

Quartina58
Senza piede nè mano dente aguzzo e forte,
Dal globo con forze del porto e l’antico nato:
Presso il portale sleale trasporto,
La luna riluce, piccola, grande trasporto.

Quartina59
La flotta francese con l’appoggio della grande guarnigione,
Dal grande Nettuno e dei suoi soldati marini.
Occupata la provenza per sostenere la grande armata
Maggior guerra a Narbona con giavellotti e dardi.

Quartina60
La fede Punica sarà rotta in Oriente.
Il grande Ebreo e Rodano, Loira e Tago cambieranno:
Quando la fame del mulo sarà risolta,
Flotta dispersa, sangue e corpi nuoteranno.

Quartina61
Bravi, popolo del Tamigi, Gironda e la Rochele,
O sangue Troiano morto al porto della freccia
Dietro al fiume al forte verrà appoggiata la scala,
Spade di fuoco e grande massacro si avrà sulla breccia.

Quartina62
Mabus poi tosto allora morirà, verrà,
Da gente ed animali un’orribile disfatta:
Poi improvvisamente si vedrà la vendetta,
Cento mani, sete, fame quando comparirà la cometa.

Quartina63
L’Italia per poco tempo sottometterà la Francia,
Pan, Marna e Senna farà ubriaco Perme:
Che contro essi innalzerà il gran muro,
Il più piccolo al muro il grande perderà la vita.

Quartina64
Da fame e da sete inaridita la gente Ginevrina,
La vicina speranza fallirà:
Sopra al tremolante ponte vigerà la legge dei Gebaniti,
La flotta nel gran porto non si può accogliere.

Quartina65
Il parco incline a grande calamità,
Per l’Esperia e l’ Insubria farà:
Il fuoco in nave peste e schiavitù,
Mercurio in Sagittario Saturno rovinerà.

Quartina66
Attraverso grandi pericoli il prigioniero scapperà,
Il grande in breve tempo vedrà girare la fortuna:
Nel palazzo il popolo verrà intrappolato,
La città assediata per buon augurio.

Quartina67
Il biondo dal naso pronunciato verrà messo a morte,
Per lotte e caccerà fuori:
Farà rientrare gli esuli,
Ed invierà i più forti nei luoghi marini.

Quartina68
Gli sforzi dell’Aquilone saranno grandi:
Sull’Oceano verrà aperta la porta:
Il regno nell’Isola verrà reintegrato,
Londra tremerà per navi in ricognizione.

Quartina69
Il Re Francese per la destra Celtica,
Vedendo discorde la grande Monarchia:
Sopra le tre parti farà fiorire il suo scettro,
Contro la cappa della grande Gerarchia.

Quartina70
La folgore dal cielo farà la sua traiettoria,
Grande esecuzione mentre i morti parleranno:
La pietra nell’albero renderà fiera la gente,
Rumore umano mostro purga espiazione.

Quartina71
Gli esiliati verranno in Sicilia,
Per liberare dalla fame la gente straniera:
All’alba i Celti lo mancheranno
La vita rimane: giustamente il Re si arrende.

Quartina72
Armata Francese vinta in Italia,
Ovunque battaglia e grandi perdite:
Fuggite Romani, o Francia respinta,
Presso il Ticino, incerti la battaglia al Rubicone.

Quartina73
Al lago di Fucino fino alla riva del Benaco,
Preso dal Lemano al porto di Orgnone:
Nato con tre braccia predice immagine bellica,
Per tre corone al grande Endimione.

Quartina74
Da Sens e da Autun giungeranno fino al Rodano,
Per passare oltre verso i monti Pirenei:
La gente uscirà dalla Marca di Ancona,
Per terra e per mare seguirà a grandi spedizioni.

Quartina75
La voce udita dall’insolito uccello,
Sopra la canna del piano respirabile:
Così alto volerà lo staio del frumento
Che l’uomo dell’uomo sarà antropofago.

Quartina76
La folgore in Borgogna provocherà eventi portentosi.
Che con ingegno nessuno potrebbe fare,
Dal loro Senato sacrista fatto zoppo,
Svelerà ai nemici la situazione.

Quartina77
Per archi di fuoco, respingeranno con fuoco e pece,
Grida ed urli si udiranno a mezzanotte:
Entro i rifugi distrutti si metteranno,
Per i cunicoli di traditori fuggiranno.

Quartina78
Il grande Nettuno dal profondo del mare,
Mescolato di gente punica e di sangue Francese:
Le isole a sangue per il tardivo armarsi,
Più gli nuocerà che l’occulto mal celato.

Quartina79
La barba crespa e nera con macchine,
Sottometterà la gente crudele e fiera:
Il grande Enrico da lontano libererà.
Tutti i prigionieri sotto la bandiera della mezzaluna.

Quartina80
Dopo il conflitto dell’eloquenza lesa,
Per poco tempo si trama nella simulata tregua.
Non si ammetteranno le decisioni dei grandi,
I nemici sono rimessi a proposito.

Quartina81
Con fuoco dal cielo la città quasi incenerita,
L’urna ancora minaccia Deucalione,
La Sardegna sarà molestata dalle barche puniche,
Dopo che la Bilancia lascierà il suo Fetone.

Quartina82
La preda farà il lupo prigioniero per la fame,
Assalita fuori con estrema destrezza.
Il nato avrà al davanti l’ultimo,
Il grande non scappa nel mezzo del torchio.

Quartina83
Il grande traffico di un gran Lione mutato,
La maggior parte tornerà in primitiva rovina,
Le prede ai soldati per saccheggio e vendetta:
Per i monti del Giura e Svevi confusioni.

Quartina84
In Campania, Siena, Firenze, Tuscia,
Sei mesi e nove giorni non pioverà una goccia:
Lingua straniera in terra di Dalmazia,
Correrà su, devastando tutta la terra.

Quartina85
Il vecchio con la barba sotto lo statuto severo,
A Lione vinto l’Aquila Celtica,
Il piccolo grande troppo avanti proseguirà,
Rumori d’armi in cielo: rosso il mare in Liguria.

Quartina86
Naufragio della flotta sul mare Adriatico,
La terra trema sgomentata per terra e per aria:
L’Egitto trema avanzano i Maomettani,
L’Araldo sarà inviato a gridare la resa.

Quartina87
Dopo verrà da lontane contrade,
Principe Germanico, sul trono dorato:
La schiavitù e fra le acque incontrerà,
La dama serva, che il suo tempo più non adorerà.

Quartina88
Il circuito del grande fatto disastroso,
Il nome del settimo sarà del quinto:
Di un terzo più grande lo straniero bellicoso:
Montone, Lutezia, Aix non garantiranno.

Quartina89
Un giorno dovevano essere domati i due grandi maestri,
Il loro grande potere si vedrà aumentare:
La terra nuova sarà nella più grande prosperità,
Al sanguinario il numero sarà raccontato.

Quartina90
Per vita e morte sarà cambiato il regno d’Ungheria,
La legge sarà più aspra che servile:
La loro grande città d’urli pianti e grida,
Castore e Polluce nemici nella lizza.

Quartina91
Al Sol levante un gran fuoco si vedrà,
Rumore e chiarore rivolti verso Aquilone:
Dentro il cerchio si udranno morti e grida,
Per spada, fuoco fame, la morte li attenderà.

Quartina92
Fuoco color d’oro sarà visto dal cielo in terra,
Colpito dall’alto nato, fatto caso meraviglioso.
Grande sterminio umano: preso il nipote del grande,
Morte spettacolare colpito l’orgoglioso.

Quartina93
Vicinissimo al Tevere presso la Lybitinia,
Un poco prima della grande inondazione:
Il capo della nave, verra imprigionato nella sentine,
Castello, palazzo in conflagrazione.

Quartina94
Il grande Po, riceverà grande danno dal francese,
Vano terrore al marittimo Leone:
Popolo infinito passerà per mare,
Senza perdere il quarto di un milione:

Quartina95
I luoghi popolati saranno inabitabili:
Per i campi vi sarà grande divisione:
I Regni consegnati a prudenti incapaci,
Allora fra i grandi fratelli morte e dissidi.

Quartina96
Sarà vista nel cielo a sera fiamma ardente,
Presso la sorgente e la fine del Rodano,
Carestia, spade: tardi giungerà il soccorso,
La Persia invaderà nuovamente la Macedonia.

Quartina97
Romano Pontefice non ti avvicinare,
Alla città bagnata da due fiumi,
Il tuo sangue là accanto sputerai
Tu ed i tuoi quando fiorirà la rosa.

Quartina98
Colui che di sangue avrà asperso il viso,
Della vittima prossima al sacrificio,
Giove in Leone, augurio per presagio,
Per la fidanzata sarà allora messo a morte.

Quartina99
Territorio Romano che interpretò il profeta,
Da gente Francese per troppo tempo oppressa:
Mai nazione Celtica temerà l’ora,
Vento, del nord spingerà la flotta troppo lontano.

Quartina100
Orribili tumulti nelle isole,
Più nulla si udrà per la bellica contesa,
Tanto grande sarà l’insulto dei predatori,
Che si dovrà alleare alla grande lega.

 

 

 

Nostradamus – 3º Centuria (III)

Scritto da Nicola S. - ottobre 17th, 2009 - 1 Commento  
Pubblicato sotto E-Books, Nostradamus, Profezie

Quartina1
Dopo conflitto e battaglia navale,
Il grande Nettuno sarà al suo più grande potere:
Farà impallidire di paura il rosso avversario,
Ponendo in gran spavento l’Oceano.


Quartina2
Il Divino Verbo donerà alla sostanza,
Compresi cielo, terra, occulta al latte mistico:
Corpo, anima spirito avendo tutta la potenza,
Tanto al di sotto dei suoi piedi qunato al seggio Empireo.

Quartina3
Marte e Mercurio, e l’argento uniti insieme,
Verso mezzogiorno estrema siccità:
Al fondo dell’Asia si dirà la terra trema,
Corinto, Efeso allora saranno in perplessità.

Quartina4
Quando i difetti lunari saranno prossimi,
E dall’uno all’altro vi sarà poca distanza,
Freddo, siccità, pericoli verso le frontiere,
Perfino dove l’oracolo a iniziato.

Quartina5
Dopo il lungo difetto dei due grandi luminari,
Che sopraggiungerà fra l’Aprile e Marzo:
Oh quale carenza! ma due grandi magnanimi
Per terra e per mare soccorreranno tutte le parti.

Quartina6
La folgore entrerà nel tempio chiuso,
I cittadini sfiniti dentro al loro forte.
L’ondata di buoi, uomini, cavalli colpirà il muro,
Per fame, sete, sottomesse le armate più deboli.

Quartina7
Sulle picche dei fuggitivi, il fuoco celeste,
Prossimo conflitto di corvi, che si combattono
Da terra si grida, aiuto, soccorso dal cielo,
Quando presso le mura saranno i combattenti.

Quartina8
I Cimbri alleati coi loro vicini
Vorranno spopolare perfino la Spagna:
Gente ammassata a Guienne e Limosine
Saranno in lega, e loro faranna campagna.

Quartina9
Bordeaux Rouen, e la Rochelle saranno riunite,
Si estenderanno attorno al grande mare Oceano,
Inglesi, Bretoni, e Fiamminghi congiunti
Li cacceranno fino presso a Rouane.

Quartina10
Di sangue e fame la più grande calamità,
Sette volte si avvicina alla spiaggia marina:
Monaco affamato, luogo preso, prigionia,
Il grande, condotto all’uncino di ferro della gabbia.

Quartina11
Le armi combatteranno nel cielo per lunga stagione
L’albero al centro della città cadrà:
Convulsioni, malattie, spade, il tizzone in faccia,
Quando il re di Adria soccomberà.

Quartina12
Per i disordini a Hebron, Po, Tago, Tevere e Rodano
E per gli stagni Lemano e Aretino.
I due grandi capi e la città di Garonna,
Prigionieri, morti annegati: spartiranno l’umano bottino.

Quartina13
Nell’arco voltaico l’oro e l’argento saranno fusi,
Dei due prigionieri l’un l’altro mangierà
Della città il più grande esteso,
Quando sommersa la flotta navigherà.

Quartina14
Con la discendenza del valoroso personaggio,
Di Francia infima: per il padre infelice:
Onori, ricchezze: lavoro in vegliarda età,
Per aver creduto il consiglio di un uomo semplice.

Quartina15
Cuore, vigore, gloria il regno cambierà.
Avendo il suo avversario contro da ogni parte:
Allora la Francia fanciullo a morte condannerà,
Un grande Reggente sarà allora più contrario.

Quartina16
Un principe Inglese Marte a suo cuore del cielo,
Vorrà perseguire la sua prospera fortuna
Dei due duelli l’uno trapasserà il fegato,
Odiato da lui molto amato da sua madre.

Quartina17
Monte Aventino bruciare a notte sarà visto,
Il cielo oscuro d’un tratto in Fiandra
Quando il monarca caccierà suo nipote,
Le genti di Chiesa commetteranno scandali.

Quartina18
Dopo la pioggia di latte assai lunga,
In molti luoghi di Reims il cielo toccato:
Oh quale conflitto di sangue presso di loro s’avvicina,
Padre e figli del Re non oseranno avvicinarsi.

Quartina19
In Lucca sangue e latte pioverà,
Un po’ prima cambiamento del pretore:
Grande peste e guerra, fame e sete sarà vista
Lontano dove morirà il loro principe rettore.

Quartina20
Per le regioni del grande fiume Betico,
Lontano dalla Iberia al Regno di Granata
Croci respinte da genti Maomettane
Uno di Cordova tradirà la contrada.

Quartina21
Al Crustamin per il mare Adriatico,
Apparirà un orribile pesce,
Di faccia umana, e la fine acquatica,
Che si prenderà fuori con l’amo.

Quartina22
Sei giorni durerà l’assalto davanti alla città:
Aspra e dura battaglia avrà luogo:
Tre la tradiranno e a loro sarà perdonato,
Il resto a fuoco e sangue sarà messo.

Quartina23
Se o Francia oltrepassereai il mar ligure,
Tu ti troverai tra le isole e il mare rinchiusa.
Maometto contrario, più mare Adriatico
Di Cavalli ed Asini tu rosicchierai le ossa.

Quartina24
Nell’impresa grande confusione,
Perdite umane tesoro inestimabile:
Tu non devi provocare ancora tensione.
Fai in modo che la Francia sia ricordata.

Quartina25
Chi giungerà al regno di Navarra,
Quando la Sicilia e Napoli saranno riunite:
Bigore e Lande per Fede il Lorenese terrà,
D’uno che alla Spagna sarà molto unito.

Quartina26
Re e Principi innalzeranno simulacri,
Auguri, ed auruspici desiderati creduti:
Corno, vittima dorata, e d’azzurro, d’acre,
Interpretati saranno gli indovini.

Quartina27
Principe libico potente in Occidente.
Verrà tanto ad infiammare Francese d’Arabia.
Sapiente nelle lettere farà condiscendenza
Di tradurre in Francese la lingua araba.

Quartina28
Di terra debole e parentela povera,
per fortuna e pace giungerà all’impero.
Lungo tempo regnerà una giovane fanciulla,
Intanto che al regno non sopravviverà uno peggiore.

Quartina29
I due nipoti nutriti in diversi luoghi.
Battaglia navale, caduti nella terra dei padri
Verranno così in alto elevati agguerriti
A vendicare l’offesa ed i nemici soccomberanno.

Quartina30
Colui che in armi ed in combattimento all’evento bellico
Avrà portato più grande di lui l’impresa:
Di notte a letto lo attaccheranno in sei
Nudo senza armatura improvvisamente sarà sorpreso.

Quartina31
Nei territori dei Medi, degli Arabi, degli Armeni
Due grandi eserciti tre volte si riuniranno:
Presso le rive dell’Arax le truppe,
Del grande Salimano cadranno a terra.

Quartina32
Il grande sepolcro del popolo di Aquitania
Si avvicinerà fino alla Toscana.
Quando Marte sarà vicino alle difese Germaniche
E al territorio della gente Mantovana.

Quartina33
Nelle città dove entrerà il lupo,
Saranno di là vicinissimo i nemici:
Il grande paese sarà occupato da eserciti stranieri
Allora gli amici passeranno ai monti ed alle Alpi.

Quartina34
Quando l’eclissi del sole avverà
In pieno giorno sarà visto il prodigio:
Ben altrimenti lo si interpreterà,
Senza carità nessuno vi avrà provveduto.

Quartina35
Dal più profondo dell’Occidente d’Europa,
Da povera gente un giovane fanciullo nascerà,
Che per il suo linguaggio conquisterà molti seguaci,
La sua fama al regno d’Oriente molto aumenterà.

Quartina36
Sepolto non morto apoplettico,
Sarà trovato aver le mani mangiate:
Quando la città condannerà l’eretico,
Che avrà tentato di cambiare le leggi da lui emanate,

Quartina37
Prima dell’assalto il discorso pronunciato,
L’Aquila prende Milano elundendo le imboscate
Mura antiche per cannoni sfondate,
Per fuoco e sangue poca pietà.

Quartina38
La gente Francese e la nazione straniera,
Oltre i monti, morti, prigionieri e sconfitti:
Almeno contrario e prossimo alla vendemmia,
Sarà redatto un accordo fra i capi.

Quartina39
I sette in tre saranno messi in concordia,
Per soggiogare Alpi ed Appennini:
Ma la tempesta e la Ligure infingardaggine,
Gli sconfitti in subitanee rovine.

Quartina40
Il grande teatro sarà raddrizzato,
Il dado tratto e le reti gettate:
Troppo il primo in ghiaccio verrà lasciato,
Per archi prostrati da lungo tempo spezzati.

Quartina41
IlGobbo sarà eletto per il consiglio.
Più orrido mostro in terra non apparso,
Il colpo volando romperà l’occhio,
Il Re riceverà il traditore credendolo fedele.

Quartina42
Il bambino nascerà con due denti nella gola,
Pioggia di pietre cadranno in Toscana:
Per molti anni non ci sarà nè biada nè grano,
Per nutrire coloro che di fame moriranno.

Quartina43
Gente dei dintorni di Tarn Lorena, e Garonna
Guardatevi dal passare i monti Appennini:
La vostra tomba presso Roma e Ancona,
Il nero popolo crespato farà trofei innalzare:

Quartina44
Quando l’animale all’uomo domestico,
Dopo grandi pene e salti verrà a parlare,
La folgore a vergine sarà così malefica,
Da terra presa e sospesa in aria.

Quartina45
I cinque stranieri entrati nel tempio.
Il loro sangue verrà a profanare la terra.
Ai Tolosani sarà ben duro esempio,
Qualcuno verrà ad infrangere le loro leggi.

Quartina46
Il cielo della città di Plancus ci presagisce,
Per chiari segni e per stelle fisse,
Che un improvviso cambiamento si stà avvicinando,
Nè per il suo bene nè per il suo male.

Quartina47
Il vecchio monarca cacciato dal suo regno
A Oriente chiederà soccorso:
Per paura delle croci piegherà la sua insegna,
In Mitilene andrà per porto e per terra.

Quartina48
Settecento prigionieri attaccati rudemente,
Per la metà assassinati, secondo la sorte:
La prossima speranza giungerà così rapidamente
Ma non così presto che una quindicina morrà.

Quartina49
Regno Gallico tu sarai ben mutato,
In luogo straniero sarà trasferito l’immpero:
Ad altri costumi e leggi si abituerà,
Rouen, e Chartres ti faranno ben di peggio.

Quartina50
La repubblica della grande città,
Al grande rigore non vorrà consentire:
Chiamato dalla tromba il Re uscirà,
La scala al muro la città si pentirà.

Quartina51
Parigi congiura un grande assassinio si compirà
Blois lo farà riuscire nel suo intento:
Quelli d’Orleans vorranno il loro capo rimettere
Angers, Troye, Langres commetteranno un misfatto.

Quartina52
In Campania vi sarà così lunga pioggia,
Ed in Puglia così grande siccità
Il gallo vedrà l’aquila, l’ala mal soddisfatta,
Per leone messo sarà in extremis.

Quartina53
Quando il più grande condurrà il prigioniero
Di Norimberga d’Ausburg, e quelli di Basilea,
Per Agrippina capo Francoforte ripreso
Attraverseranno le Fiandre fino alla gallia.

Quartina54
Uno dei più grandi fuggirà in Spagna
Che in vasta ferita dopo sanguinerà:
Passando eserciti per le alte montagne,
Devastando tutto, poi in pace regnerà.

Quartina55
Nell’anno in cui un occhio in Francia regnerà,
La corte sarà in una situazione turbolenta:
Il grande di Blois suo amico ucciderà
Il regno messo in male e doppio dubbio.

Quartina56
Montalbano, Nimes, Avignone e Bezier,
Peste, tuonare, e grandine a fine di Marzo:
Ponte di Parigi, muro di Lione, Montpellier,
Dopo seicento e sette ventitre parti.

Quartina57
Sette volte verrà cambiato il popolo Britannico,
Tinta di sangue in duecentonovanta anni
Francia non affatto per appoggio Germanico
Ariete dubbio suo polo Bastarnan.

Quartina58
Vicino al Reno delle montagne Noriche
Nascerà un grande da gente troppo tardi venuta,
Che difenderà Saurome e Pannonia,
Che non si saprà cosa sarà divenuto.

Quartina59
Barbaro empireo per il terzo usurpato,
La più grande parte del suo sangue metterà a morte:
Per morte senile per lui il quarto colpito
Per paura che il sangue per il sangue ne sia ucciso.

Quartina60
Per tutta l’Asisa grande proscrizione,
Pure in Mysia, Lysia, e Pamfilia.
Sangue verserà per assoluzione,
Di un giovane nero pieno di fellonia.

Quartina61
La grande banda e setta crucigera,
Si innalzerà in Mesopotamia:
Del vicino fiume compagnia leggera,
Che quella legge terrà per nemica.

Quartina62
Vicino al duero da mar Tirreno chiuso,
Forerà i grandi monti Pirenei
La mano più corta e sua forata cognata,
A Carcassone condurrà i suoi intrighi.

Quartina63
Romano potere sarà del tutto a terra:
Il suo grande vicino imitare le sue vestigia:
Occulte beghe civili e dibattiti,
Ritarderanno ai buffoni loro follie.

Quartina64
Il capo di Persia riempirà grande Olchade,
Flotta Trireme contro gente Maomettana:
Di Parti, e Medi e saccheggiare le Cycladi.
Riposo lungo tempo al grande porto Ionico.

Quartina65
Quando il sepolcro del grande Romano trovato
Il giorno seguente eletto Pontefice:
Dal senato egli non sarà affatto approvato
Avvelenato suo sangue con sacro calice.

Quartina66
Il grande governatore d’Orleans messo a morte
Sarà per uno di sangue vendicativo:
Di morte meritata non morrà nè per sorte
Di piedi e mani male lo farà prigioniero.

Quartina67
Una nuova setta di filosofia,
Disprezzando morte, oro, onori e ricchezza:
Dei monti Germani ne saranno limitrofi,
A seguirli avranno appoggio e masse.

Quartina68
Popoli senza capo di Spagna e d’Italia,
Morti, sconfitti nel Chersoneso
Loro duce tradito per leggera follia,
Il sangue nuoterà ovunque alla traversa.

Quartina69
Grande esercito condotto da giovincello,
Si arrenderà nelle mani dei nemici
Ma il vecchio nato a metà porco,
Farà Chalon e Mascon essere amici.

Quartina70
La grande Bretagna compresa l’Inghilterra,
Verrà per acque così potenti a inondare
La Lega nuova d’ausonia farà guerra,
Che contro di lui si vedrà circondata.

Quartina71
Quelli delle isole da lungo tempo assediati,
Prenderanno vigore forza contro i nemici:
Quelli del di fuori morti di fame sconfitti,
In più grande fame che mai saranno messi.

Quartina72
Il buon vecchio tutto vivo sepolto,
Presso il grande fiume per falso sospetto:
Il nuovo vecchio di ricchezze nobilitato,
Preso al cammino tutto l’oro del riscatto.

Quartina73
Quando dentro il regno giungerà lo sciancato,
Avrà per competitore vicino un bastardo:
Luigi e il regno diventeranno molto rognosi,
E quando guarirà sarà ben troppo tardi.

Quartina74
Napoli, Firenze, Faenza, e Imola,
Saranno i termini di tale contrarietà,
Che per compiacere ai malvagi di Nola
Si rammaricheranno di avere fatto al suo capo assurdità.

Quartina75
Pau, Verona, Vicenza Saragozza,
Di spade lunghe, territori di sangue umidi
Peste sì grande verrà al grande guscio,
Vicini soccorsi, e ben lontani i rimedi.

Quartina76
In Germania nasceranno diverse sette,
Avvicinandosi molto al felice paganesimo,
Il cuore prigioniero e piccole ricette,
Faranno ritorno a pagare la vera decime.

Quartina77
Il terzo clima sotto Ariete compreso
L’anno millesettecentoventisette in Ottobre,
Il Re di Persia per quelli d’Egitto preso
Conflitto morte, perdita: alla croce grande obbrobrio.

Quartina78
Il capo di Scozia, con sei di Germania
Per gente di mare Orientale catturato:
Attraverseranno il Calpre e Spagna,
Dono in Persia al nuovo Re timoroso

Quartina79
L’ordine fatale sempieterno per concatenazione,
Vorrà ritornare per ordini conseguenti:
Di porto Phocen sarà spezzata la catena,
La città presa, il nemico quanto e quanto.

Quartina80
Dal regno Inglese l’indegno cacciato,
Il consigliere per rabbia messo a fuoco
Suoi seguaci daranno si bassi esempi
Che il bastardo sarà a metà ricevuto.

Quartina81
Il grande urlatore senza vergogna audace,
Sarà eletto governatore dell’armata:
L’ardire del suo comportamento
Il ponte rotto, città di paura tremante.

Quartina82
Freins, Antibor, città nei pressi di Nizza,
saranno devastate per mare e per terra:
Le cavallette per terra e mare vento propizio,
Prigionieri morti, sollevazioni, saccheggi senza leggi di guerra:

Quartina83
I lunghi capelli della Gallia Celtica,
Accompagnati da straniere nazioni,
Faranno prigionieri la popolazione di Aquitania,
Per soccombere alle loro intenzioni.

Quartina84
La grande città sarà ben desolata,
Degli abitanti uno solo vi dimorerà
Mura, sesso, templi e vergini violate,
Per ferro, fuoco, peste cannoni popolo morrà.

Quartina85
La città presa per inganno e frode,
Per le moine di un bel giovane catturato.
Assalto dato da Raubine presso Lavde,
Lui e tutti morti per aver ingannato.

Quartina86
Un capo d’Ausonia in Spagna andrà
Per mare farà arresto dentro Marsiglia:
Prima di morire lungo tempo languirà
Dopo la sua morto verrà grande meraviglia.

Quartina87
Flotta Francese non avvicinarti alla Corsica,
Nè alla Sardegna, tu te ne pentirai:
Tutti morirete frustrati dall’affannoso aiuto.
Sangue scorrerà prigioniero non mi crederà.

Quartina88
Da Barcellona per mare si grande armata,
Tutta Marsiglia di spavento tremerà.
Bloccato dal mare l’aiuto isole prese.
Tuo traditore in terra navigherà.

Quartina89
In quel tempo Cipro sarà frustrata.
Di suo soccorso di quelli del mar Egeo:
Vecchio trucidato, ma da maschi e dissoluti
Sedotto loro Re, Regina più oltraggiata.

Quartina90
Il grande Satiro e Tigre d’Hyrcanie.
Dono presenta a quelli dell’Oceano:
Un capo della flotta uscirà da Carmanie,
Che prenderà terra al Tyrren Phocean.

Quartina91
L’albero che stava per lungo tempo morto secco,
Dentro una notte verrà a rinverdire:
Cron Re malato, Principe dal piede staccato,
Paura dei nemici farà vela balzare.

Quartina92
Il mondo prossimo all’ultimo periodo
Saturno ancora tardi sarà di ritorno:
Trasferito impero diversa nazione Brodde,
L’occhio arraffato a Narbon da Astore.

Quartina93
Dentro Avignone tutto il capo dell’impero
Farà fermata per Parigi desolata:
Insediatore terrà l’Annibalica ira,
Leone per cambio sarà mal consolata.

Quartina94
Di cinquecento anni più conto si terrà,
Colui che fu ornamento del suo tempo:
Poi all’improvviso grande chiarezza donerà,
Che per quel secolo li renderà molto felici.

Quartina95
La legge Morica si vedrà fallire.
In seguito ad un’altra più seducente:
Boristhenes per primo vedrà fallire.
Per doni e lingua una più attraente.

Quartina96
Capo di Fossan avrà gola tagliata,
Per la guida del bracco e del levriero:
Il fatto ordito per quelli di monte Tarpee,
Saturno in Leone il 13 di Febbraio.

Quartina97
Nuova legge terre nuove occupate,
Verso la Syria, Giudea e Palestina:
Il grande impero barbaro rovesciare,
Prima che Phebes suo secolo determini.

Quartina98
Due reali fratelli si duramente guerreggeranno
Che tra di loro sarà la guerra si mortale:
Che ciascuno piazzeforti occuperà,
Di regno e vita sarà loro grande disputa.

Quartina99
Ai campi erbosi d’Aleni e di Varneigne,
Del monte Lebron vicino alla Durance,
Campo di due parti conflitto sarà si aspro,
Mesopotamia cadrà nella Francia.

Quartina100
L’ultimo onorato fra i Francesi,
D’uomo nemico sarà vittorioso:
Forza e territorio in momento esplorato,
D’un colpo di dardo quando morirà l’invidioso.

ARTICOLI SIMILI E CORRELATI:

Nostradamus – 4º Centuria (IV)

Scritto da Nicola S. - ottobre 16th, 2009 - 0 Commenti  
Pubblicato sotto E-Books, Nostradamus, Profezie

Quartina1
Quello del resto del sangue non espanderà,
Venezia chiede che soccorso le sia dato.
Dopo aver per lungo tempo atteso,
Città liberata al primo suono di corno.


Quartina2
Per morte la Francia farà un viaggio,
Flotta per mare, attraversare monti Pirenei.
Spagna in scompiglia, marciare gente militare:
Delle più grandi dame in Francia condotte.

Quartina3
D’Arras e Bourges, di Brodes grandi stendardi,
Un più grande numero di Guasconi combatterà a piedi,
Quelli lungo di Rosne sconfiggeranno gli Spagnoli:
Presso i monti dove Sagonte sorge.

Quartina4
L’impotente principe addolorato pianti e querele,
Di rapine e saccheggi, per galli e per Libici:
Grande è per terra per mare infinite volte,
Sorella Italia caccierà Celtici.

Quartina5
Croce, pace, sotto un compiuto divino verbo,
La Spagna e Gallia saranno uniti insieme:
Grande disfatta prossima, e combattimento molto aspro,
Cuore si ardito non vi sarà che non tremi.

Quartina6
D’abiti nuovi dopo aver fatto la tregua,
Malizia trama e macchinazione:
Primo morrà chi ne farà la prova,
Colore venezia insidiata.

Quartina7
Il minor figlio del grande e odiato Principe,
Di lebbra avrà a vent’anni una grande macchia,
Di dolore sua madre morirà ben triste e magra,
Ed egli morrà là dove cade il capo vigliacco.

Quartina8
La grande città d’assalto pronto e repentino,
Sorpresa di notte, guardia interrotta:
Le sentinelle e guardie san Quintino,
Trucidata guardie e le porte rotte.

Quartina9
Il capo del campo al mezzo della folla:
D’un colpo di freccia sarà ferito alla coscia,
Allor che Ginevra in lacrime e sconforto,
Sarà tradita per Lauzan, e Svizzeri.

Quartina10
Il giovane principe accusato falsamente,
Metterà in subbuglio il campo e in discordia:
Ucciso il capo per il sostentamento,
Scettro pacificare: poi guarire scrofolosi.

Quartina11
Colui che sarà coperto dalla grande cappa,
Sarà indotto a qualche caso concludere:
I dodici rossi verranno a macchiare il drappo,
Sotto assassinio, omicidio sarà perpetrato.

Quartina12
Il capo più grande di strada messo in fuga,
Più oltre non sarà inseguito:
Esercito riaccampato e legione ridotta,
Più fuori della Francia del tutto sarà cacciato

Quartina13
Di più grande perdita notizie riportate,
Al rapporto fatto, il campo si sorprenderà.
Bande unite incontro rivoltati,
Doppia falange grande abbandonerà.

Quartina14
La morte subitanea del primo personaggoi
Avrà cambiato e messo un altro al regno:
Così, tardi venuto in sì alta e bassa età,
Per terra e mare farà che lo si temi.

Quartina15
Do dove si penserà che giunga la carestia,
Di là verrà il riassestamento:
L’occhio del mare per avaro canino
Per l’un l’altro donerà olio, frumento.

Quartina16
La città libera di li libertà fatta serva.
Dei profughi e sognatori fatta asilo.
Il Re cambiato a essi non così protervo:
Di cento saranno divenuti più di mille.

Quartina17
Cambierà a Beaune, Nuy, Chalons, e Dijon,
Il duca volante riformare le Barree
Marciando presso fiume, pozione, becco di tuffatore
Verrà la coda: porta sarà chiusa.

Quartina18
Da molti letterati descritti i fatti celesti
Saranno per principi ingnoranti rimproverati:
Puniti da un editto, cacciati come criminali,
E messi a morte là dove saranno trovati.

Quartina19
Davanti Rouan d’Insubres posto l’assedio,
Per terra e mare chiuso il passaggio:
D’Haynaut, e Fiandre di Gad e di Liegi,
Per togati doni sbarcheranno sulle rive.

Quartina20
Pace ubertosa per lungo tempo si loderà:
Per tutto il suo regno deserto il fiordaliso:
Corpi morti annegati, terra la apporterà,
Sperando invano di essere là sepolti.

Quartina21
Il cambiamento sarà forte difficile,
Città, provincia al cambio guadagnerà:
Cuore alto, prudente messo, cacciato lui abile,
Mare, terra, popolo suo stato cambierà.

Quartina22
La grande armata che sarà declassata,
Dentro un momento sarà necessaria al Re.
La fede promessa da lontano sarà profanata,
Nudo si vedrà in pietoso disordine.

Quartina23
La legione dentro la flotta marina,
Calcina, solfuro di Magnesio, e pesce brucerà:
Il lungo riposo del sicuro posto,
Porto Selyn, Hercole fuoco li consumerà.

Quartina24
Udita sotto terra santa Dama voce finta,
Umana fiamma per divino veder luccicare:
Farà dei soli di loro sangue terra tinta,
Ed i santi templi per gli impuri distruggere.

Quartina25
Corpi sublimi senza fine agli occhi visibili,
Obnubileranno per queste ragioni:
Corpi,fronte compresa senza capo e invisibili,
Diminueranno le sacre orazioni.

Quartina26
Il grande scame si leverà d’api,
Che non sapranno da dove siano venute.
Di notte,l’imboscata il curvo sotto il pergolato
Città tradita per cinque lingue non nude.

Quartina27
Salon,Mansol,Tarascon de sex,l’arco,
Dove è in piedi ancora la piramide:
Verranno consegnare il Principe di Danimarca,
Ricatto Turpe al Tempio d’Artenide.

Quartina28
All’orchè Venere dal Sole sarà coperta,
Sotto lo splendore sarà forma occulta:
Mercurio al fuoco li avrà discoperti,
Per rumore bellico sarà messo all’insulto.

Quartina29
Il Sole nascosto eclissi per Mercurio,
Non sarà messo che per il ciclo secondo:
Di Vulcano Hermes sarà fatta pastura,
Sole sarà visto per,rutilante e Biondo.

Quartina30
Più undici volte Luna Sole non vorrà,
Tutti aumentati e bassi di grado:
E così bassi messi che poco oro si batterà,
Che dopo fame peste,discoperto il segreto.

Quartina31
La Luna al piano di notte sopra l’alto monte,
Il nuovo saggio d’un solo cervello l’ha veduto:
Per suoi discepoli essere immortale venerando,
Occhi a mezzogiorno,in seni mani corpi al fuoco.

Quartina32
In luoghi e tempi la carne e pesce darà l’uovo,
La legge comune sarà fatta al contrario:
Vecchio tenderà forte poi tolto di mezzo,
Il Panta chiona filone messo molto arretrato.

Quartina33
Giove congiunto più Venere che alla Luna.
Appariscente di plenitudio bianco:
Venere nascosta sotto la bianchezza di Nettuno
Da Marte colpita per il remo bianco.

Quartina34
Il grande condotto catturato da straniera Terra,
D’oro incatenato al Re Chyren offerto:
Che dentro Ausonia,Milano prenderà la guerra,
E tutto suo esercito messo a fuoco e a ferro.

Quartina35
Il fuoco le vergini tradiranno
La più grande parte della banda novella:
Folgore al ferro, lance le sole Re custodiranno
Etursque e Corse, di notte gola infuocata.

Quartina36
I giochi nuovi in Gaule ristabiliti,
Dopo vittoria di Insubre campagna:
Monti d’Esperie, i grandi legati, trascinati;
Di paura tremeranno la Romaigne e l’Espaigne.

Quartina37
Francese per salti, monti verrà penetrare:
Occuperà il grande luogo dell’Insubre:
Al più profondo suo esercito farà entrare,
Gennes, Monech respingeranno flotta rossa.

Quartina38
Mentre che Duca, Re, Regina occuperà.
Capo Bizant del prigioniero in Samothrace:
Avanti l’assalto l’un l’altro mangerà,
Arcigno ferrato seguirà di sangue la traccia.

Quartina39
I Rhodiens domanderanno soccorso,
Per la negligenza dei suoi eredi abbandonata.
L’impero Arabe ringhiottirà suo corso,
Per Hesperies la causa riconosciuta.

Quartina40
Le frontiere degli assediati serrate,
Per polvere da fuoco sprofondate in abissamento
I traditori saranno tutti vivi serrati,
Anche nei sacrestani non avvenne sì pietoso sisma.

Quartina41
Ginnico sesso cattura per ostaggio,
Verrà di notte custode ingannare:
Il capo del campo ingannato per suo linguaggio,
Mancherà alla gente, farà pietà a vedersi.

Quartina42
Geneue e Lagres per quelli di Chartres e Dole,
E per Grenoble prigioniera a Montlimard:
Seysset, Lausanne, per fraudolento dolo,
Li tradiranno per oro sessanta marchi.

Quartina43
Saranno udite al cielo le armi battere,
Quello stesso anno i divini nemici:
Vorranno leggi sante ingiustamente dibattere:
Per folgore e guerre crocifissi a morte messi.

Quartina44
Due raggruppamenti di Mende, di Roudès e Milhau.
Cahours, Lymoges, Castres cattiva settimana
Di notte l’entrata, di Bourdeaux un affronto,
Per Perigort al tocco della campana.

Quartina45
Per conflitto Re, regno abbandonerà.
Il più grande capo fallirà al bisogno,
Morti sconfitti pochi ne scamperanno,
Tutti massacrati, uno ne sarà testimone.

Quartina46
Ben difeso il fatto per eccellenza,
Guardati tu Tours dalla prossima rovina:
Londres e Nantes per Remis sarà difesa
Non passare oltre al tempo della Brina.

Quartina47
Il nero feroce quando avrà provato
Sua mano sanguinante per fuoco, ferro archi tesi,
Triste il popolo sarà tanto affranto,
Vedere il più grande per collo e piedi appesi.

Quartina48
Pianura Ausonne fertile, spaziosa,
Produrrà tafani si tanti e cavallette:
Luminosità solare diventerà nuvolosa,
Rodere il tutto, grande peste venire da essi.

Quartina49
Davanti al popolo sangue sarà sparso,
Che dall’alto cielo ne verrà allontanato.
Ma d’un lungo tempo non sarà esteso,
Lo spirito d’uno solo lo verrà testimoniare.

Quartina50
Bilancia verrà regnare le Hesperies,
Del cielo e terra tenere al monarchia:
D’Asie feroce nulla ne verrà perire,
Che sette ne terrano per rango la gerarchia.

Quartina51
Un Duca cupido suo nemico inseguirà,
Dentro entrerà ostacolando la falange,
Lancieri a piedi si presso verranno per seguire,
Che il giorno conflitto presso il Gange.

Quartina52
In città assediata al muro uomini e donne.
Nemici fuori il capo presto si arrendono:
Vento sarà forte incontro i gendarmi.
Cacciati saranno per calce, polvere, e cenere.

Quartina53
I fuggitivi e banditi richiamati,
Padri e figli grandi fortificheranno gli alti pozzi
Il crudele padre e i suoi soffocati,
Suo figlio più peggiore annegato dentro il pozzo.

Quartina54
Del nome che mai fu portato dal Re Gaulois
Giammai ne fu un folgore si tremendo.
Tremeranno l’Italie, l’Espagne e les Anglois,
Di femmina straniera grandemente attraente.

Quartina55
Quando le cornacchie sul tetto di tegole giunte,
Durante sette ore non farà che gracchiare:
Morte presagirà di sangue statua tinta,
Tiranno morto, agli Dei popolo pregare.

Quartina56
Dopo vittoria di rabbiosa lingua,
Lo spirito temperato in tranquillità e riposo:
Vittorioso sanguinario per conflitto farà arringa,
Arrostire la lingua e la carne e le ossa.

Quartina57
Ignaro intento al grande Re sopportato,
Tenterà proporsi difendere gli scritti.
Sua femmina non moglie per un altro tentata,
Più del doppio due nè forza nè grida.

Quartina58
Sole ardente dentro gola incollerà,
Di sangue umano arrostirà terra Etrusque:
Capo sella d’acqua, conduce suo figlio via,
Catturata dama condotta terra Turque.

Quartina59
Due assediati in ardente fervore:
La sete estinta per due piene tazze
Il forte armato, e un vecchio sognatore,
Ai Genevois di Nira mostreranno origini.

Quartina60
I sette bambini in ostaggio lasciati,
Il terzo verrà suo bambino trucidare:
Due per suoi figli saranno di stoccata trafitti.
Gennues, Florence, le verranno disunire.

Quartina61
Il vecchio dileggiato privato del suo posto,
Lo straniero che lo subornerà:
Mani dei suoi figli mangiate davanti sua faccia,
I fratelli a Chartres, Orl Rouan tradirà.

Quartina62
Un colonnello macchina per ambizione,
Si impadronirà della grande armata,
Contro suo principe finta invenzione,
E discoperto sarà sotto i rami.

Quartina63
L’arma Celtique contro i montagnardi,
Che saranno scoperti e presi in trappola:
Paesani furiosi respingeranno tosto i fangosi,
Precipitati tanti al filo della spada.

Quartina64
Il debole in abiti da borghese,
Verrà il Re tantare di sua offesa:
Quindici soldati la più parte Vstagois,
Vita ultima e capo dei suoi beni.

Quartina65
Al disertore nella grande fortezza,
Vicino che avrà suo luogo abbandonato,
Suo avversario farà grande prodezza,
L’imperatore presto morte sarà condannato.

Quartina66
Sotto colore finto di sette teste rasate,
Saranno seminati diversi esploratori:
Pozzi e fontane di pozione (veleno) arrossate,
Al forte di Gennes umani divoratori.

Quartina67
Allor che Saturne e Mars ugualmente combusti,
L’aria forte secca lunga traiettoria:
Per fuochi segreti, d’ardore grande lugo inaridirà,
Poca pioggia, vento caldo, guerre, incursioni.

Quartina68
In luogo ben vicino non lontano da Venus.
I due più grandi dell’Asie e d’Aphrique,
Di Ryn e Hister che si dirà son venuti,
Crisi pianti a Malte e costa Ligustique.

Quartina69
La città grande gli esiliati difenderanno,
I cittadini morti, uccisi e schiacciati:
Quelli d’aquilee a Parme prometteranno,
Mostrare l’entrata per i luoghi non custoditi.

Quartina70
Ben attiguo ai grandi monti Pyrenees,
Uno contro l’Aquila grande esercito invierà:
Aperte vene, forze sterminatrici,
Che fino a Pau il capo verrà cacciare.

Quartina71
In luogo delle spose le figlie trucidate,
Omicidio non vi sarà superstite per grande errore:
Dentro il pozzo le vesti mondate,
La sposa uccisa per altra (dose) d’Aconile.

Quartina72
Le Artomigi per Agen e l’Estore,
A san Felix faranno loro parlamento:
Quelli di Basas verranno alla malora,
Si impadroniranno Condon e Marsan prontamente.

Quartina73
Il nipote grande per forza provocherà
La pace fatta da cuore pusillanime:
Ferrare e Ast il Duca esproprierà,
Per loro quando sarà sera le pantomime.

Quartina74
4 di lago Leman e quelli di Brannonices:
Tutti assemblati contro quelli d’Aquitaine:
Germains molti ancora più Souisses,
Saranno disfatti con quelli d’Humaine.

Quartina75
Presto a combattere vi sarà defezione,
Capo avversario otterrà la vittoria:
La retroguardia farà difensiva.
I feriti morti al bianco territorio.

Quartina76
I Nibobriges per quelli di Perigort,
Saranno oppressi, occupando fino a Rosne:
L’associato di Gascons e Begorne,
Tradire il tempio il prete essendo alla predica.

Quartina77
Selin monarca d’Italie pacificata,
Regni uniti per Re cristiano del mondo:
Morente vorra riposare in Terra blesique,
Dopo pirati cacciati dall’onda.

Quartina78
La grande armata della guerra civile,
Per di notte Parme e la straniera trovate,
Settantanove ammazzati dentro il villaggio,
Gli stranieri passati tutti dalle spade.

Quartina79
Sangue Reale fuggi, Monhuit, Mas, Esguillon,
Riempiti saranno di Baurdelois le Landes,
Nauarre, Bygorre lane e picche,
Profondi di fame vorranno di Liege ghiande.

Quartina80
Presso il grande fiume grande fossa terra ammassata,
In quindici parti sarà l’acqua divisa:
La città presa, fuoco, sangue crisi conflitto mettere.
E la più parte concerne la collisione.

Quartina81
Ponte si farà rapidamente di barche,
Passerà l’armata del grande Principe Belgique:
Dentro sprofonderanno e non lontano da Brucelles,
Oltre passati, a pezzi sette con picche.

Quartina82
Ammassamento si avvicina venente da Esclauonie,
L’Olestant vecchia città rovinerà:
Forte desolato vedrà sua Romanie,
Più la grande fiamma estinguere non saprà.

Quartina83
Combattimento notturno il valente capitano,
Vinto fuggirà poco di gente sconfitte:
Suo popolo sollevazione, sedizione non vana.
Suo proprio figlio lo terrà assediato.

Quartina84
Un grande d’Auxerre morirà ben miserabile.
Cacciato da quelli che furono lui sottomessi:
Serrato da catene, vicino un rude cavo,
E l’anno che Mars, Venus e Sol messi in estate.

Quartina85
Il carbone bianco di nero sarà cacciato,
Prigioniero fatto condotto alla catena,
Moro Cammello sui piedi intrecciati,
Allora il secondogenito seguirà all’alba.

Quartina86
L’anno che Saturne in acqua sarà congiunto,
Avendo Sol, il Re forte e possente,
A Reims e Aix sarà ricevuto e unto,
Dopo conquiste ucciderà innocenti.

Quartina87
Un figlio del Re tanto di lingue apprese,
A suo primogenito un regno differente:
Suo suocero al più grande egli compreso,
Farà perire principale aderente.

Quartina88
Il grande Antoine di nome fatto sordido
Di Phtyriase suo ultimo giorno roso:
Uno che di piombo vorrà essere cupido,
Passando il porto d’eletto sarà immerso.

Quartina89
Trenta di Londres segreto congiureranno,
Contro loro Re, sul ponte l’impresa:
Lui, per fatalità la morte disgusterà,
Un Re eletto biondo, nativo di Frize.

Quartina90
I due eserciti ai muri non potranno congiungersi,
Dentro quell’ istante tremeranno Milan, Ticin:
Fame, sete, dubbio si forte li verrà pungere
Carne, pane, nè viveri non avranno un sol boccone.

Quartina91
Al Duca Gaulois costretto battersi al duello,
La nave Mellele monech non s’approderà,
Torto accusato, prigione perpetua,
Suo figlio regnare avanti morte.

Quartina92
Testa tagliata da valente capitano,
Sarà gettata davanti suo avversario:
Suo corpo pendente dalla flotta all’albero
Confuso fuggirà per remi a vento contrario.

Quartina93
Un serpente visto vicino del letto reale,
Sarà per dama notte cani non abbaieranno:
Allora nascerà in France un Principe tanto reale,
Dal cielo venuto tutti i Principi vedranno.

Quartina94
Due grandi fratelli saranno cacciati d’Espaigne,
Il primogenito vinto sotto i monti Pyrenees:
Arrossire mare, Rosne, sangue Lemand d’Alemaigne,
Narbon, Blyterre, d’Agath contaminate.

Quartina95
I regno a due lasciato ben poco terranno,
Tre anni sette mesi passati faranno la guerra
Le due vestali contro ribelleranno,
Vincitore secondogenito in Armenique terra.

Quartina96
La sorella primogenita dell’Isola Britannique
Quindici anni davanti il fratello sarà nata,
Per sua promessa mediante verifica,
Succederà al regno di Bilancia.

Quartina97
L’anno che Mercure, Mars, Venus retrogrado,
Del gran Monarca la linea non fallirà:
Eletto dal popolo lusitano presso Gagdole.
Che in pace e regno verrà forte invecchiamento.

Quartina98
Gli Albanois passeranno dentro Rome,
Mediante Langres imbacuccati mezzi intrecciati,
Marchese e Duca non perdoneranno a uomo,
Fuoco, sangue, morbi punti d’acqua mancherà il grano.

Quartina99
Valente primogenito della figlia del Re,
Respingerà si profondo i Celtiques,
Che manderà folgori, quanto in tale scompiglio
Poco e lontano, più profondo è Hesperiques.

Quartina100
Di fuoco celeste a Reale edificio.
Quando la luce di Mars svanirà,
Sette mesi grande guerra, morta gente di maleficio
Rouan, Eureux al Re non mancheranno.

Nostradamus – 5º Centuria (V)

Scritto da Nicola S. - ottobre 15th, 2009 - 0 Commenti  
Pubblicato sotto E-Books, Nostradamus, Profezie

Quartina1
Prima venuta di rovine Celtiche.
Di dentro il tempio due parlamenteranno
Pugnalare cuore, d’uno salito al corsico e picca,
Senza fare clamore il grande tiranno.


Quartina2
Sette congiurati al banchetto faranno luccicare,
Contro i tre il ferro fuori da nave
L’uno le due flotte al grande farà condurre,
Quando per il maglio. Ultimo alla fronte lui tirerà.

Quartina3
Il successore del Duca verrà.
Molto più oltre del mare di Toscana
Gallico ramo la Firenze terrà,
Dentro suo girone d’accordo nautiche Rane.

Quartina4
Il grosso mastino da città scacciato,
Sarà irritato dalla dalla straniera alleanza,
Vicino ai campi aver il cervo cacciato
Il lupo e l’Orso si tratteranno diffidenti.

Quartina5
Sotto ombre finte di togliere da servitù,
Popolo e città l’usurperà lui medesimo
Peggio farà per frode di una prostituta,
Consegnato al campo leggendo il falso proemio.

Quartina6
Al Re l’augure sul capo la mano mettere,
Verrà pregare per la pace Italica:
Alla mano sinistra verrà cambiare lo scettro,
Di Re diventerà Imperatore pacifico.

Quartina7
Di Triumviro saranno trovate le ossa,
Cercando profondo tesoro enigmatico.
Quelli dei dintorni non saranno in riposo.
Per concavo marmo e piombo metallico.

Quartina8
Sarà lasciato fuoco vivo, morte nascosta,
Dentro i globi orribile spaventoso.
Di notte la flotta città in polvere lasciata,
La città a fuoco, il nemico favorevole.

Quartina9
Fino al fondo la grande arca demolita,
Per capo catturato l’amico anticipato,
Nascerà da dama fronte, faccia capelluta,
Allora per astuzia Duca a morte preso.

Quartina10
Un capo Celtico dentro il conflitto ferito,
Vicino di cava vedendo suoi morti abbattuti:
Di sangue e ferite e dai nemici pressato,
E soccorso per incogniti da quattro.

Quartina11
Mare per solari sicuro non sarà,
Quelli di Venus terranno tutta l’Africa:
Loro regno più Saturno non occuperà,
E cambierà la parte Asiatica.

Quartina12
Presso del lago Leman sarà condotto,
Per giovane straniera città volendo tradire:
Avanti sua morte a Ausborg la grande fuga,
E quelli di Rhin la verranno invadere.

Quartina13
Per grande furore il Re Romano Belgico
Vessare vorrà per falange barbara:
Furore ringhiante, caccerà gente Libica
Dai Pannoni fino all’arca di Hercules.

Quartina14
Saturno e Marte in Leone Spagnia catturata,
Per capo Libico al conflitto attratto,
Presso a Malta, Herrode presa viva,
E Romani scettro sarà per Gallo colpito.

Quartina15
In navigazione preso progioniero grande Pontefice,
Grandi vicino fallire i clerici tumultuosi:
Secondo eletto assente suo bene malridotto,
Suo favorito bastardo a morte andato.

Quartina16
A suo alto prezzo più la lerma sabea,
D’umana carne per morte in cenere mettere,
All’isola Pharos per Corsari perturbata,
Allorchè che a Rodes apparirà duro spettro.

Quartina17
Di notte passando il Re presso d’un Androne,
Quello di Cipres e principale sorvegliato.
Il Re fallirà, l’autorità fuggirà lungo il Rosne,
I congiurati l’andranno a morte mettere.

Quartina18
Di duello morirà l’inglese sconfitto,
Celebrerà suo vincitore l’ecatombe:
Antica legge, franco editto redatto,
Il muro e Principe al settimo giorno cadranno.

Quartina19
Il grande Reale d’oro, di bronzo aumentato,
Rotta la pace, per giovane aperta guerra:
Popolo afflitto per un capo lamentato,
Di sangue barbaro sarà coperta la terra.

Quartina20
Di là dalle Alpi gande armata passerà,
Un poco prima nascerà mostro vapin:
Prodigioso e subito tornerà
Il grande Toscano a suo luogo più vicino.

Quartina21
Per il trapasso di Monarca Latino,
Quelli che egli avrà per regno soccorso:
Il fuoco brillerà diviso il bottino.
La morte pubblica agli arditi incorsi.

Quartina22
Avanti che a Roma grande abbia reso l’anima
Spavento grande all’armata straniera
Per squadroni l’imboscata presso di Parma,
Poi i due rossi assieme faranno pranzo.

Quartina23
I due contenti saranno uniti assieme,
Quando la più parte a Marte saranno congiunti:
Il grande d’Africa in spavento tremore,
Duumvirato per la classe separato.

Quartina24
Il regno e legge sotto Venere elevati,
Saturno avrà su Giove impero
La legge e regno per il Sole elevati,
Per Saturnini sopporterà il peggio.

Quartina25
Il principe Arabo Marte Sole, Venere, Leone
Regno d’Inglese per mare soccomberà:
Verso la Persia ben presso d’un milione,
Bisanzio, Egitto ver. serp. invaderà.

Quartina26
La gente schiava per un oro Marziale,
Verrà in alto grado tanto elevata,
Cambieranno Principe, nascerà un provinciale,
Passare il mare armate ai monti arruolati.

Quartina27
Per fuoco e armi non lungo dal marnegro,
Verrà da Persia occupare Trebisonde:
Tremeranno Pharos Methelin, Sole alegro,
Di sangue Arabo d’Adrio coperta d’onde.

Quartina28
Il braccio pendente alla gamba legato,
Viso pallido, al seno pugnale nascosto,
Tre che saranno congiurati nella mischia
Al grande di Genova sarà il ferro tirato.

Quartina29
La libertà non sarà recuperata,
L’occuperà nero, fiero, villano, iniquo,
Quando la materia del ponte sarà aperta,
D’Hister, Venezia afflitta la repubblica.

Quartina30
Tutto all’intorno della grande città,
Saranno soldati alloggiati per campi e villaggi.
Darà l’assalto Parigi Roma incitata
Supra il ponto allora sarà fatto, grande saccheggio.

Quartina31
Per terra Attique capo della sapienza,
Che del presente è la rosa del mondo:
Per rovina, e sua grande supremazia
Sarà suddito e naufrago delle onde.

Quartina32
Dove tutto bene è, tutto bene Sole e Luna
È abbondante, sua rovina s’approssima.
Dal cielo si avanza venire tua fortuna,
In medesimo stato che la settima roccia.

Quartina33
Dei principali della città ribelle
Che tenderanno forte per libertà riavere.
A pezzi maschi, infelice mischia,
Grida, urlamenti a Nantes pietoso vedere.

Quartina34
Dal più profondo dell’Occidente Inglese
Dov’è il capo dell’isola Britannica
Entrerà flotta dentro Gyronne, per Blois
Per vino e sale, quelli nascosti nelle barricate.

Quartina35
Per città liberata dal grande mare Seline
Che porta ancora allo stomaco la pietra,
Inglese flotta verrà sotto la pioggerella
Un ramo prendere, di grande apera guerra.

Quartina36
Di sorella il fratello simulato inganno
Verrà mescere rugiada in minerale:
Sopra la placente donata a vecchia tardiva,
Morto il gustante sarà semplice e rurale.

Quartina37
Trecento saranno di un volere e accordo,
Che per venire alla fine del loro attacco,
Venti mesi vicino tutti i ricordi
Loro Re tradito simulando odio finto.

Quartina38
Quel gran monarca che al morto succederà,
Donerà via illecita lubrica,
Per noncuranza a tutti concederà,
Che alla fine fallirà la loro Salica.

Quartina39
Da vero ramo di fiordaliso sorto
Messo e alloggiato ereditiere d’Hetturie:
Suo sangue antico da lunga mano tessuto,
Farà Firenze fiorire nell’armoniale.

Quartina40
Il sangue reale sarà si molto mescolato,
Obbligati saranno Gaulois dell’Hesperie:
Non attenderà che il termine sia trascorso,
E che memoria della voce sia piccola.

Quartina41
Nato sotto le ombre in giornata notturna,
Sarà in regno e bontà sovrana:
Farà rinascere suo sangue dall’antica urna
Rinnovando secolo d’oro per l’erario.

Quartina42
Marte elevato in suo più alto allarme,
Farà ritirare gli Allobrox dalla Francia:
La gente Lombarda farà si grande timore,
A quelli dell’Aquilo compresi sotto la Bilancia.

Quartina43
La grande rovina dai clericali non sall’ontana,
Provenza, Napoli, Sicilia, Seea e Ponce,
In Germania, al Rhin e la Cologne,
Vessati a morte per tutti quelli di Magonce.

Quartina44
Per mare il rosso sarà preso dai pirati,
La pace sarà per suo mezzo tribolata:
L’ira e l’avaro commetterà per santo atto,
Al grande Pontefice sarà l’armata raddoppiata.

Quartina45
Il grande Impero sarà tosto desolato
E trasferito presso d’ardenne selia:
I due bastardi per il primogenito separati,
E regnerà Aenodarb, naso di nibbio.

Quartina46
Per capelli rossi querele e nuovi scismi
Quando si avrà eletto il Sabinois:
Si produrrà contro lui grandi sofismi,
E sarà Roma lesa per Albanesi.

Quartina47
Il grande, Arabo marcierà ben avanti,
Tradito sarà per i Bizantini:
L’antico Rodes lui verrà incontro,
E più grande male per altri Pannonis.

Quartina48
Vicino la grande afflizione di scettro,
Due nemici per essi saranno disfatti:
Flotta Africa ai Pannons verrà affermarsi,
Per mare terra saranno orribili fatti.

Quartina49
Non dalla Spagna, ma dall’antica Francia
Non sarà eletto per la tremante navicella
Al nemico sarà fatta intesa,
Che dentro suo regno sarà peste curdele.

Quartina50
L’anno che i Fratelli di lui saranno in età,
L’uno di essi terrà la grande Romanie:
Tremeranno i monti, aperto Latino passaggio,
Pascià marcerà contro forte D’Armenia.

Quartina51
La gente di Dace, d’Inghilterra, Polonia
E di Boesme faranno nuova lingua.
Per passare oltre d’Hercules le colonne,
Barcinis, Tyrrens solleveranno crudele briga.

Quartina52
Un Re sarà che donerà l’oppostito.
Gli esiliati eleverà sul regno:
Di sangue nuoterà la gente casta hippolite,
E fiorià lungo tempo sotto tale insegna.

Quartina53
La legge di Sole e Venere contesa
Appropriandosi lo spirito di profezia:
Nè luno nè l’altro ne saranno intesi,
Per terrà la legge del grande Messia.

Quartina54
Da ponte Exine, e la grande Tartaria,
Un Re sarà che verrà vedere la Gaule,
Attraverseà Alane e l’Armenia,
E dentro Bisanzio lascierà sanguinante lancia.

Quartina 55
Della Felice Arabia contrada,
Nascerà potente di legge Maomettiana:
Vesserà la Spagna, conquisterà la Granada,
E più per mare alla gente Ligustica.

Quartina56
Per il trapasso di molto vecchio Pontefice
Sarà eletto Romano di buona età,
Che sarà detto che il seggio indebolisce,
E lungo terrà e di operosità arguta.

Quartina57
Uscirà da monte Gaufier e Aventino,
Chi per il foro avvertirà l’armata
Entro (tra) due rocce sarà preso il bottino,
Di SEXT, mansol fallirà la rinomata.

Quartina58
Dall’acquedotto di Uticense Gardoing,
Per la foresta monte inaccessibile,
Nemico del ponte sarà macchiato sul pugno
Il capo nemico che tanto sarà terribile.

Quartina59
Il capo Inglese a Nismes troppo soggiornerà,
Verso la Spagna al soccorso Aenobarbe
Molti moriranno per Marte aperto quel giorno,
Quando in Artois fallirà stella in barba.

Quartina60
Per testa rasa verrà ben male eleggere,
Più che sua carica non comporti passare.
Si grande furore e rabbia farà dire,
Che con fuoco e sangue tutto sesso trancerà.

Quartina61
Il bambino del grande assente a sua nascita,
Soggiogherà gli alti monti Appennini:
Farà tremare tutti quelli della bilancia,
E dai monti fuoco infino a Mont-senis.

Quartina62
Sopra la roccia sangue si vedrà piovere,
Sole Oriente Saturno Occidentale:
Presso d’Orgon guerra a Roma grande male vedere,
Navi affonderanno, e preso Tridente.

Quartina63
Di vana intesa l’onore indebito pianto,
Galli erranti per latino, freddo fame, vaganti
Non lontano da Tymbre di sangue la terra tinta,
E sopra umani saranno diverse piaghe.

Quartina64
Le assemblee per responso di un grande uomo
Per terra e mare consiglio revocato:
Presso dell’Antonne Gennes, Nice dell’ombra
Per campi e villaggi il capo contrabbandato.

Quartina65
Subito venuto lo spavento sarà grande,
Dei principali dell’affare nascosto:
E dama in brace più non sarà in vista,
Che poco a poco saranno i grandi afflitti.

Quartina66
Sotto gli antichi edifici vestali,
Non lontano d’acuqedotto rovina.
Di Sole e luna sono i lucenti metalli,
Ardente lampo, Traiano d’oro scolpita.

Quartina67
Quando capo Perugia non userà sua tunica
Senza la coperta tutto nudo di spoglierà:
Saranno presi sette fatti Aristocratici,
Il padre e figlio morti per pugnalata al collo.

Quartina68
Dentro il Danubio e del Reno verrà bere
Il grande Cammello, non se ne pentirà:
Tremeranno del Rosne, e più forte quelli di Loira
E presso di Alpi Gallo le rovinerà.

Quartina69
Più non sarà il grande in fuochi sommerso,
L’inquietudine verrà prendere riposo:
Addestrare falange d’oro, azzurro e vermiglio
Soggiogherà Africa la roderà fino osso.ù

Quartina70
Di regioni soggette alla Bilancia
Faranno turbare i monti per grande guerra,
Prigionieri di entrambe i sessi e tutta Bisanzio,
Che si griderà all’alba terra terra.

Quartina71
Per il furore di uno che attenderà l’acqua,
Per la grande rabbia tutto l’esercito sollevato:
Carico di nobili a dicciassette barricate,
E lungo del Rodano tardi messaggero venuto.

Quartina72
Per il piacere d’editto voluttuoso,
Si mescolerà la pozione dentro la fede:
Venere sarà in corso si virtuosa,
Che offuscherà Sole tutta la legge.

Quartina73
Perseguitata sarà Dio la Chiesa,
E i santi Templi saranno spogliati,
Il bambino la madre metterà nuda in camicia,
Saranno Arabi ai Polacchi alleati.

Quartina74
Di sangue Troiano nascerà cuore, Germanico
Che giungerà in si alta potenza:
Fuori caccerà stranieri Arabi,
Tornante la Chiesa in precedente prominazione (autorità).

Quartina75
Salirà alto sopra il bene più a destra,
Dimorerà assiso sopra la pietra quadrata,
Verso il mezzogiorno posato a sua sinistra,
Bastone storto in mano bocca serrata.

Quartina76
In luogo libero tenderà suo padiglione,
E non vorrà in città prendere posto
Aix, Carpen l’isola volce, monte, Cavaillon,
Per tutti questi luoghi abolirà le tracce.

Quartina77
Tutti i gradi d’onore Ecclesiastico
Saranno cambiati in dial quirinal:
In Marziale quirinal fiammingo,
Poi un Re di Francia lo renderà vulcanale.

Quartina78
I due uniti non terranno lungamente,
E dentro tredici anni al Barbaro Satrapo,
Alle due coste faranno tale perdita,
Che uno benedirà la Barca e sua coppa.

Quartina79
Per sacra pompa verrà abbassare le ali,
Per la venuta del grande legislatore:
Umili innalzerà, vesserà i ribelli,
Non nascerà su terra alcun emulatore.

Quartina80
Logmion grande Bisanzio avvicinerà.
Cacciata sarà la barbarica Lega:
Delle due leggi l’una l’etnica lascierà,
Barbari e franchi in perpetua contesa.

Quartina81
L’uccello reale sulla città solare,
Sette mesi avanti farà notturno augurio:
Muro d’Oriente cadrà tuoni lampi,
Sette giorni alle porte i nemici in tempo.

Quartina82
A conclusione pace fuori la fortezza,
Non uscirà colui in disperazione messo:
Quando quelli d’Arbois, di Langres, contro Bresse,
Avranno monti Dolle imboscata di nemici.

Quartina83
Quelli che avranno intrapreso sovvertire,
Impareggiabile regno, potente e invincibile:
Faranno per frode, notti tre avvertire,
Quando il più grande a tavola leggerà Bibbia.

Quartina84
Nascerà da abisso e città immensurata,
Nato da parenti oscuri e tenebrosi:
Che la potenza del grande Re rivererà,
Vorrà distruggere per Rouan e Eureux.

Quartina85
Per gli Sueues e luoghi circostanti.
Saranno in guerra per causa di nubi.
Campi marini locuste e cugini,
Di Leman fatti saranno ben evidenti.

Quartina86
Per le due teste, e tre braccia separate,
La città grande sarà per acuqe vessata:
Dei grandi dentro essi per esilio sviati
Per testa persa Bisanzio forte pressione.

Quartina87
L’anno che Saturno fuori da servaggio,
Il franco territorio sarà d’acqua inondato,
Di sangue Troiano sarà suo matrimonio,
E sarà sopra d’Ispagnoli circondato.

Quartina88
Sopra la sabbia per un orrendo diluvio,
Di altri mari trovato mostro marino:
Presso di lui sarà fatto un rifugio,
Venente Savona schiava di Torino.

Quartina89
Dentro Ungheria per Boemia, Navarre,
E per bandiera santa sedizioni:
Per fiori di lui paese portante la sbarra,
Contro Orelans farà emozioni.

Quartina90
Dentro le cicladi, in perinto e larisse,
Dentro Sparta tutti i Peloponnesi:
Si grande fame, peste per false cognizioni,
Nove mesi terra e tutto il Cheronnesse.

Quartina91
Al grande mercato dove dette delle menzognere,
Da tutto Torrente e campo Ateniese:
Saranno sorpresi per la cavalleria leggera,
Per Albanesi Marte, Leone, Saturno, in versamento.

Quartina92
Vicino il seggio tenuto diciassette anni,
Cinque cambieranno in tale trascorso termine:
Poi sarà l’uno eletto del medesimo tempo,
Che dei Romani non sarà troppo conforme.

Quartina93
Sotto il terreno di rotondo globo lunare,
Allor che sarà dominatore Mercurio:
L’isola di Scozia farà un luminare,
Che gli Inglesi metterà in rotta.

Quartina94
Trasferirà nella grande Germania,
Barbante e Fiandre, Gand, Bruges, e Bologna:
La tregua finta il grande duca d’Armenia,
Assalirà Vienna e la Colonia.

Quartina95
Nautico remo inviterà gli umbri,
Del grande Impero loro verrà concitare:
Il mare Egeo di legni diverrà ingombro
Impedendo l’onda Tirrena fluttuare.

Quartina96
Sopra il centro del grande mondo la rosa,
Per nuovi fatti sangue pubblico sparso:
A dire vero si avrà bocca chiusa,
Allora al bisogno verrà tardi l’atteso.

Quartina97
Il naso deforme per orrore soffocato,
Dentro la città di grande Re abitabile:
L’editto severo dei prigionieri revocato,
Grandine e tuonare, Condono insetimabile.

Quartina98
A quarantotto gradi climaterici,
A fine del Cancro si grande secchezza:
Pesce in mare, fiume: lago cotto etico,
Bearn, Bigorre per fuoco cielo in pericolo.

Quartina99
Milano, Ferrara, Torino, e Aquileia,
Capua, Brindisi vessate per gente Celtica:
Per il Leone e falange aquilata
Quando Roma avrà il capo vecchio Britannico.

Quartina100
Il lancia fuoco per suo fuoco colpito,
Di fuoco dal cielo a Calcas e Gominge:
Foix, Aux, Mazere, importante vegliardo scapperà,
Per quelli di Hasse di Saxson e Turinge.

 

Nostradamus – 6º Centuria (VI)

Scritto da Nicola S. - ottobre 14th, 2009 - 0 Commenti  
Pubblicato sotto E-Books, Nostradamus, Profezie

AVVERTENZA CONTRO I CRITICI INETTI
Coloro che leggono questi versi riflettano attentamente
Che il volgo profano e ingnorante non ne sia attratto
Che tutti gli Astrologi, gli Stolti e i Barbari non s’accostino
Che altrimenti farà, che sia maledetto secondo sacro rito.


Quartina1
Attorno dei monti Pirenei grande ammasso
Di gente straniera soccorrere Re nuovo:
Presso di Garonne del grande tempio di Mas,
Un Romano capo lo temerà dentro l’acqua.

Quartina2
Nell’anno cinquecento ottanta più o meno,
Si attenderà il secolo ben estraneo:
Nell’anno settecento, e tre cieli ne testimoniano,
Che molti regni da uno a cinque ne faranno cambio.

Quartina3
Fiume che proverà il nuovo nato di Celtico
Sarà un grande dell’Impero discordia
Il giovane principe per gente ecclesiastica,
Toglierà lo scettro coronale (regale) di concordia.

Quartina4
Il Celtico fiume cambierà di riva,
Più non terrà la città di Agrippina:
Tutto cambierà tranne il vecchio linguaggio,
Saturno, Leone, Marte, Cancro in rapina.

Quartina5
Sì grande fame per onda pestifera.
Per pioggia lunga il luogo di polo artico
Samatobryn cento luoghi dell’emisfero,
Vivranno senza leggi esenti da politica.

Quartina6
Apparirà verso il Settentrione
Non lungo dal Cancro la stella cappelluta:
Susa, Siena, Boece, Eretrion,
Morirà di Roma grande, la notte dispersa.

Quartina7
Normeigre Dace, e l’Isola Britannique,
Per gli uniti fratelli saranno vessate:
Il capo Romano discendente di sangue Gallico
E le forze alle foreste respinte.

Quartina8
Quelli che governeranno in regno per esperienza,
A Reale cambio diventeranno impoveriti:
Alcuni esiliati senza appoggio oro non avere,
Letterati e lettere non saranno a grande prezzo.

Quartina9
Ai sacri templi saranno fatti scandali,
Competati (valutati) saranno per onore e lodi:
Da uno che si grave d’argento d’oro le medaglie,
La fine sarà in tormenti ben strani.

Quartina10
Un po di tempo i templi dei colori
Di bianco e nero dei due entro mescolati:
Rossi e gialli loro sembreranno le loro,
Sangue, terra, peste, fame, fuoco d’acqua sconvolto.

Quartina11
Di sette romani a tre saranno ridotti,
I più anziani saranno sorpresi da morte,
Fratricidio i due saranno indotti,
I congiurati dormendo saranno morti.

Quartina12
Radunerà truppe per salire all’impero,
Del Vaticano il sangue Reale terrà:
Fiamminghi, Inglesi, Spagna con Aspire,
Contro l’Italia e Francia contenderà.

Quartina13
Un dubbioso non verrà lontano dal regno,
La più grande parte lo vorrà sostenere.
Un Capitolino non vorrà affatto che egli regni,
Sua grande carica non potrà mantenere.

Quartina14
Lontano di sua terra Re perderà la battaglia,
Prontamente scappato inseguito subito preso,
Ignaro preso sotto la dorata maglia,
Sotto finto abito, e il nemico sorpreso.

Quartina15
Disotto la tomba sarà trovato il Principe,
Che avrà il premio sotto Norimberga:
L’espagnolo Re in capricorno sottile,
Finto e tradito per il grande Uitemberg.

Quartina16
Ciò che rapito sarà da giovane Milue,
Pe i Normanni di Francia e Picardie:
I neri del tempio del luogo di Negrisilue
Faranno albergo e fuoco di Lombardia.

Quartina17
Presso i limiti (confini) bruciati gli asini,
Costretti saranno cambiare abiti diversi:
I Saturnini bruciati dai mugnai,
Tranne la più parte che non sarà coperta.

Quartina18
Dai Fisici (medici) il grande Re abbandonato,
Per sorte non arte dell’Ebreo è in vita,
Lui e suo genere al regno alto spinti,
Grazia donata a gente che Cristo desidera.

Quartina19
La vera fiamma inghiottirà la dama,
Che vorrà mettere gli Innocenti a fuoco:
Prossimo dell’assalto l’esercito s’infiammerà,
Quando dentro Siviglia mostro in bue sarà veduto.

Quartina20
L’unione finta sarà poco di durata,
Di un cambiamento riformata la più parte:
Dentro i vascelli sarà gente indurita,
Allora avrà Roma un nuovo Leopardo.

Quartina21
Quando quelli del polo artico uniti insieme,
E Oriente grande spavento e timore:
Eletto nuovo, sostenuto il grande tremerà,
Rodi, Bisanzio di sangue Barbaro tinte.

Quartina22
Dentro la terra del grande tempio celtico,
Nipote a Londra per pace finta morirà:
La barca allora diventerà scismatica,
Libertà finta sarà al corno e grida.

Quartina23
D’ispirito del regno baluardi screditati,
E saranno popoli insorgere contro loro Re,
Pace santa nuovamente, sante leggi peggiorate,
Parigi mai fu in si molto duro smarrimento.

Quartina24
Marte e lo scettro si troveranno congiunti,
Sotto Cancro calamitosa guerra:
Un poco dopo sarà nuovo Re unto,
Che per lungo tempo pacificherà la terra.

Quartina25
Per Marte contrario sarà la monarchia,
Del grande pescatore in tribolato sconvolgimento;
Giovane nero rosso prenderà la gerarchia,
I proditori avranno giorni brumosi.

Quartina26
Quattro anni il seggio qualche poco bene terrà,
Uno sopraggiungerà libidinoso di vita:
Ravenna e Pisa, Verona sosterranno,
Per innalzare la croce di Papa invidiato.

Quartina27
Dentro le Isole di cinque fiumi a uno,
Per la crocesanta del grande Chyren Selin:
Per le brume dell’aria furore dell’uno,
Sei scappati nascosti fardelli di lino.

Quartina28
Il grande Celtico entrerà dentro Roma,
Recando ammassi d’esiliati e banditi:
Il grande Pastore matterà a morte tutti (gli) uomini,
Chi per il gallo stettero alle Alpi uniti.

Quartina29
La vedova santa intendendo le notizie,
Dei suoi rami messi in perplessità e tribolazione:
Che sarà indotto paciare le dispute,
Per sua cacciata di rasati sarà colmo.

Quartina30
Per l’apparenza di finta santità,
Sarà tradito ai nemici l’assedio.
Notte che si credeva dormire in sicurezza,
Presso di Barbant marceranno quelli di Liegi.

Quartina31
Re troverà che quello desiderato tanto,
Quando il Prelato sarà ripreso a torto:
Responso al Duca lo renderà mal contento,
Che dentro Milano metterà molti a morte.

Quartina32
Per tradimento da verghe a marito battuto,
Preso sormontato sarà per suo disordine:
Consiglio frivolo al grande prigioniero sentito,
Naso per furore quando Berlech verrà mordere.

Quartina33
Sua mano ultima per Alus sanguinario,
Non si potrà per il mare garantire:
Entro due fiumi temerà mano militare,
Il nero l’iroso lo farà pentire.

Quartina34
Di fuoco volante la macchinazione,
Verrà turbare al grande capo assediato:
Dentro sarà tale sedizione,
Quando disperazione saranno gli sconfitti.

Quartina35
Presso di Rion, e vicino a bianca lana,
Ariete, Toro, Cancro, Leone, la Vergine,
Marte, Giove, il Sole arderà grande pianura,
Boschi e città lettere nascoste nel cero.

Quartina36
Nè bene nè male per battaglia terrestre,
Non giungerà ai confini di Perouse,
Ribelle Pisa, Firenze vedere male condizione,
Re notte ferito sul muro a nera gualdrappa.

Quartina37
L’opera antica si concluderà,
Dal tetto cadrà sul grande male rovina:
Innocente fatto morto si accuserà,
Colpevole nascosto, fuggito nella pioggerella.

Quartina38
Agli sconfitti della pace i nemici,
Dopo aver l’Italia superato,
Nero sanguinario, rosso. sarà attaccato,
Fuoco, sangue versato, acuqa di sangue colorata.

Quartina39
Il bambino del regno, per paterna cattura
Spogliato sarà per le consegne:
Vicino al lago Trasimeno l’azzurro preso,
La truppa ostaggio per troppo forte ubriachezza.

Quartina40
Grande di Magonza per grande sete estinguere,
Sarà privato di sua grande dignità:
Quelli di Colonia si forte verranno piangere,
Che il grande gruppo al Reno sarà gettato.

Quartina41
Il secondo capo del regno di Danimarca,
Per quelli di Frisia e l’Isola Britannica,
Farà spendere più di centomila marchi,
Vana esplorazione viaggio in Italia.

Quartina42
A Logmyon sarà lasciato il regno,
Del grande Selin più farà dei fatti:
Per gli Italiani onstenterà sue insegne,
Reggente sarà per prudente contraffatto.

Quartina43
Lungo tempo sarà senza essere abitato,
Dove Senna e Marna intorno vengono a scorrere:
Del Tamigi e marziale tentata,
Di quelli le guardie in credendo respingerle.

Quartina44
Di notte per Nantes Lyris apparirà,
Delle arti marine susciteranno la pioggia:
Arabico golfo, grande flotta sprofonderà,
Un mostro in Sassonia nascerà d’orso e scrofa.

Quartina45
Il governatore del regno ben sapiente,
Non consentire volendo al fatto Reale:
Mellile flotta per il contrario vento
Lo rimetterà a suo più sleale.

Quartina46
Un giusto sarà in esilio rimandato,
Per pestilenza ai confini di Nonseggle,
Responso al rosso lo farà sviare,
Re ritirandosi alla Roma e all’Aquila.

Quartina47
Entro due monti le due grandi assemblati.
Abbandoneranno loro simulata inimicizia:
Bruxelles e Dolle per Langres oppresse,
Per il Maligno esecutore loro peste.

Quartina48
La santità troppo finta e seducente,
Accompagnata d’una lingua discreta:
La città vecchia, e Parma troppo affrettata,
Firenze e Siena, renderanno più deserte.

Quartina49
Dalla parte di Mammer grande Pontefice,
Soggiogherà i confini di Danubio:
Cacciare la croce, per ferro saccheggiato e arraffato,
Prigionieri, oro, anelli più di centomila rubini.

Quartina50
Dentro il pozzo saranno trovate le ossa,
Sarà l’incesto, commesso per la matrigna:
Lo stato cambiato, si cercherà clamore e gloria,
E avrà Marte atteso per suo astro.

Quartina51
Popolo assemblato, vedere nuovo spettacolo.
Principe e Re per molti assistenti,
Pilastri fallire, muri: ma come miracolo
Il Re salvato e trenta degli istanti.

Quartina52
In luogo del grande che sarà condannato,
Di prigione fuori, suo amico in suo posto:
La speranza Troiana in sei mesi giunta, morta nata,
Il Sole all’urna saranno pieni fiumi in ghiaccio.

Quartina53
Il grande Prelato Celtico a Re sospetto,
Di notte per corso uscirà fuori dal regno:
Per Duca fedele a suo grande Re Bretone,
Bisanzio a Cipro e Tunisi in sospetto.

Quartina54
Allo spuntar del giorno al secondo canto del gallo,
Quelli di Tunisi, di Fez, e di Bugie,
Per gli Arabi, catturato il Re Marocco,
L’anno mille seicento e sette, di Liturgia.

Quartina55
Al calmo Duca strappando la sposa,
Vela Arabica vedere, subito discoperta:
Tripoli, Chio, e quelli di Trapesconce,
Duca preso, Marnegro e la città deserta.

Quartina56
La temuta armata del nemico Narbon
Spaventerà si forte gli Esperici:
Parpigiano vuoto per il ceco d’arbon,
Allora Barcellona per mare donerà le picche.

Quartina57
Colui che era ben avanti dentro il regno,
Avendo capo rosso prossimo alla gerarchia,
Aspro e crudele, e si farà tanto temere,
Succederà a sacra monarchia.

Quartina58
Entro i due monarchi lontani,
Allor che il Sole per Selin splendore perduto,
Simulazione grande dentro due indignati,
Che alle Isole e Siena la libertà resa.

Quartina59
Dama in furore per rabbia d’adulterio,
Verrà a suo Principe scongiurare di non dire:
Ma (in) breve conosciuto sarà il vituperio,
Che saranno messi diciassette a martirio.

Quartina60
Il Principe fuori di suo territorio Celtico
Sarà tradito, ingannato dall’interprete:
Rouant, Rochelle per quelli dell’Armorique
Al porto di Blaue ingannato da monaco e prete.

Quartina61
Il grande tappeto piegato non mostrerà,
Forse che a metà la più parte della storia:
Cacciato da regno lontano aspro apparirà,
Che al fatto bellico ciascuno lo verrà credere.

Quartina62
Troppo tardi tutti e due i fiori saranno perduti,
Contro la legge serpente non vorrà fare:
Di liguri forze per galli confusi,
Savona, Albenga per monaco grande martirio.

Quartina63
La dama sola in regno dimorante.
D’unico estinto primo al letto d’onore:
Sette anni sarà da dolore esplorata,
Poi lunga vita al regno per grandezza.

Quartina64
Non si terrà pace alcun arrestato,
Tutti ricevuti andranno per ingannare:
Di pace e tregua, e terra e mare protestati.
Per barcellona flotta presa d’astuzia.

Quartina65
Grigio e ufficio mezza aperta guerra,
Di notte saranno assaliti e depredati:
L’ufficio preso passerà per la serra,
Suo tempio aperto, due alle piastra arrostiti.

Quartina66
Alle fondamenta della nuova setta,
Saranno le ossa di grande Romano trovate,
Sepolcro in marmo apparirà coperto,
Terra tremare in Aprile, mal sotterrato.

Quartina67
Al grande Impero succederà tutto un’altro,
Bontà distante più di felicità:
Retto per uno sorto non lungo dal pagliericcio,
Crollare regni grande infelicità.

Quartina68
Allor che soldati furore sedizioso.
Contro loro capo faranno di notte ferri luccicare:
Nemici d’Alba sia per mano furiosa,
Allora vessare, Roma, e principale sedurre.

Quartina69
La pietà grande sarà senza lungo tardare,
Quelli che donavano saranno costretti a prendere:
Nudi Affamati di freddo, sete, solo bendati,
I monti passati commettendo grande scandalo.

Quartina70
A capo del mondo il grande Chyren sarà,
Più oltre vicino amato, paventato, temuto:
Sua fama e gloria i cieli sorpasserà,
E del solo titolo (di) vincitore fortemente contento.

Quartina71
Quando si vedrà del grande Re funerali
Prima che egli abbia del tutto l’anima resa:
Lo si vedrà ben presto imparentare,
Per Leone, aquila, croci corona venduta.

Quartina72
Per furore finto d’emozione divina,
Sarà la femmina di grande forte violentata:
Giudici volendo dannare tale dottrina,
Vittima al popolo ingnorante immolata.

Quartina73
In città grande un monaco e artigiano,
Presso della porta loggiato e alle mura,
Contro Modena segreto, causa distante
Tradito per fare suo colore d’isposalizio.

Quartina74
La scacciata al regno tornerà,
Suoi nemici troveranno dei congiurati:
Più che giammai suo tempo trionferà,
Tre e settanta a morte troppo assicurata.

Quartina75
Il grande pilota da Re sarà mandato,
Lascerà la flotta per più alto lugo attendere:
Sette anni vicino sarà contrabbandato,
Barbara armata verrà Venezia terrorizzare.

Quartina76
La città antica da antenore forgiata,
Più non potendo i tiranni sopportare
Le maniche finte al tempio tagliare gola,
I suoi il popolo a morte vorrà buttare.

Quartina77
Per vittoria di inganno fraudolento,
Due flotte una, la rivolta Germania,
Il capo ucciso e suo figlio dentro la tenda,
Firenze, Imola cacciate dentro Romagna.

Quartina78
Gridare vittoria di grande Selin crocesanta:
Per i Romani sarà l’Aquila chiamata,
Ticino Milano e Genova non consentiranno,
Poi per loro stesse medesime Basil grande reclamare.

Quartina79
Presso il Ticino gli abitanti della Loira,
Garonne, Savona, Senna, Tain e Gironda,
Oltre i monti eleveranno promontorio.
Conflitto aperto Per rosso vivo, sommersi onda.

Quartina80
Di Fez il regno giungerà a quelli d’Europa,
Fuoco loro città e lama trancerà.
Il grande d’Asia terra e mare a grande truppa,
Che blu, padri, croce, a morte scaccerà.

Quartina81
Pianti grida e lamenti, urlamenti, terrore,
Cuore inumano, crudele, Re e agghiacciante.
Lemao le Isole, di Genova i maggiori,
Sangue spargere, fame nessuna pietà.

Quartina82
Per i deserti di luogo libero e feroce,
Verrà errando nipote grande Pontefice:
Ammazzati a sette con lordo ceppo,
Per quelli che dopo occuperanno il Calice.

Quartina83
Colui che avrà tanto d’onore e carezze.
A sua entrata nella Gallia Belgica.
Un tempo dopo sarà tanta di crudeltà,
E sarà contro al fiore tanto bellicoso.

Quartina84
Colui che in Sparta Claudio non può regnare,
Lui farà tanto per voce seducente:
Che da corto, lungo, li farà pareggiare,
Che contro Re farà sua persecuzione.

Quartina85
La grande città di Tarso dai Galli.
Sarà distrutta, prigionieri tutti col Turbante:
Soccorsi per mare dal grande Portogallo,
Primo d’estate il giorno di sacro Urbano.

Quartina86
Il grande Prelato un giorno dopo suo sogno,
Interpretato al contrario di suo senso:
Dalla Gascogna gli un monaco,
Che farà eleggere il grande prelato di Sens.

Quartina87
L’elezione fatta dentro Francoforte,
Non avrà luogo, Milano s’opporrà:
Il vicino più prossimo sembrerà si grande forte,
Che oltre il Reno in paludi caccerà.

Quartina88
Un regno grande rimarrà desolato,
Vicino all’Ebro si faranno assemblee:
Monti Pirenei lo renderanno consolato,
Allorchè dentro Maggio saranno terre tremanti (terremoti).

Quartina89
Entro due cimbali piedi e mani attaccate,
Di miele faccia unta, e di latte nutrito,
Vespe e mosche, creatura amore straziata
Coppiere falso, Calice tenterà.

Quartina90
L’onta spregevole abominevole
Dopo il fatto sarà felicità
Grande scusato per non essere favorevole,
Che alla pace Nettuno non sarà incitato.

Quartina91
Da condottiero della guerra navale,
Rosso sfrenato, severo, orribile influenza,
Prigioniero scappato dal primogenito dentro la bastia:
Quando nascerà da un grande un figlio Agrippina.

Quartina92
Principe di beltà tanto venusta,
Al capo portato, il secondo fatto tradito.
La città alla spada, arsa dai tizzoni di polvere,
Per troppo grande morto il capo del Re odiato.

Quartina93
Prelato avaro d’ambizione ingannato,
Niente sarà che troppo vorrà credere:
Suoi messaggeri e lui bene raggirati,
Tutto al contrario vedrà chi i legni fenderà.

Quartina94
Un Re irato sarà ai sedifraghi,
Quando interdette saranno armi da guerra:
La pozione (veleno) tinta allo zucchero con le fragole
Per essi assassinati, morti, dicendo stringi stringi.

Quartina95
Dal detrattore calunniato un secondogenito,
Quando saranno fatti enormi e marziali:
La minore parte dubbiosa per il primogenito,
E tosto al regno saranno fatte parti.

Quartina96
Grande città ai soldati abbandonata,
Non si ebbe un mortale tumulto si prossimo:
O quale orrida mortalità s’approssima,
Forse un’offesa non sarà perdonata.

Quartina97
Cinque e quaranta gradi cielo brucerà
Fuoco s’avvicina alla grande città nuova
Istante grande fiamma sparsa salterà
Quando si vorrà dei Normanni fare prova.

Quartina98
Rovina ai Volsici di paura si forte terribile
Loro grande citta tinta, fatto pestilente:
Prenderanno Sole, Luna e violeranno loro templi:
E i due fiumi arrossare di sangue colante.

Quartina99
Il nemico dotto si troverà confuso.
Grande campo ammalato, e disfatto per imboscata,
Monti Pirenei e Pennini gli saran fatti rifugi,
Vicino al fiume discoperte antiche rocce.

Quartina100
Figlia dell’Aurora, asilo del malsano,
Ove fino al cielo si vede l’anfiteatro:
Prodigio visto, tuo male è molto vicino,
Sarai prigioniera, e due volte più di quattro.